Dal barocco alla visita a sorpresa, il Printemps des Arts entra nel vivo

Dal barocco alla visita a sorpresa, il Printemps des Arts entra nel vivo

Monaco -  Si apre la settimana clou del Printemps des Arts 2016 con un'agenda fitta di appuntamenti capaci di soddisfare più palati musicali, e che spazia dal sacro al profano, dalla tradizione alle prime esecuzioni assolute, dal virtuosismo fino all'appuntamento a sorpresa.

Nella serata di giovedì all’Eglise Saint Charles di Monaco ospita la musica barocca della grande scuola organistica e clavicembalistica francese e tedesca con gli organisti Olivier Vernet e Jean-Charles Ablitzer e l’Ensemble Organum.
Il concerto di venerdì apre con una prima assoluta, Histoires vraies, suite concertante pour piano, trompette et orchestre, commissionata dal festival a Betsy Jolas nell’anno del suo novantesimo compleanno, una delle compositrici più importanti del panorama francese.

Segue l’omaggio a Mahler con l’esecuzione della meravigliosa sinfonia n. 4 che alterna momenti di grandiosità solenne ad altri di lirismo e pace angelica. Gli interpreti del concerto saranno l’Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo alla guida di Kazuki Yamada con i solisti Julia Novikova (soprano), Roger Muraro (pianoforte), Häkan Handerberger (tromba). La notte del pianoforte di sabato esplora le potenzialità della forma della “variazione” fra passato e presente attraverso celebri pagine di Beethoven, Schunert e Schumann, protagonisti i pianisti Till Fellner e Arcadi Volodos.

A conclusione della settimana uno degli appuntamenti più attesi del festival, il viaggio a sorpresa. Il pubblico acquista un biglietto per partecipare ad un viaggio musicale in una località sconosciuta nei pressi del Principato di Monaco, escursione che si svolgerà nell’arco di una giornata con un programma musicale a sorpresa. (AGI)