La mobilità sociale in Gran Bretagna è stata inflluenzata dalla geografia

La mobilità sociale in Gran Bretagna è stata inflluenzata dalla geografia

Uno studio ha analizzato la mobilità sociale delle famiglie britanniche, dal 1851 al 2016, identificando divisioni regionali chiare e durature tra Inghilterra e Scozia. La maggior parte dei gruppi familiari è rimasta concentrata nelle loro terre ancestrali

mobilità sociale in Gran Bretagna geografia

© Manuel Cohen / AFP 
- Vetrata, All Hallows by the Tower, Londra 

AGI - La mobilità sociale in Gran Bretagna è fortemente influenzata dalla geografia.

A suggerirlo è stata una valutazione intergenerazionale della mobilità sociale delle famiglie britanniche, dal 1851 al 2016, condotta dallo University College London e pubblicata su Nature Communications.

Il documento identifica divisioni regionali chiare e durature tra Inghilterra e Scozia.

La mobilità sociale è il cambiamento di status sociale che può verificarsi attraverso le generazioni.

Sebbene sia noto che molti fattori influenzano la mobilità sociale, come il reddito e l’occupazione dei genitori, gli studi sull’effetto sono limitati poiché di solito esaminano solo una singola generazione.

Paul Longley, Justin van Dijk e Tian Lan, dello University College London, hanno tracciato la mobilità sociale di oltre 13.000 gruppi familiari britannici dal 1851 al 2016, accoppiando i dati sui gruppi familiari per l’intera popolazione del Victoria, con un registro dei consumatori a livello di popolazione attuale.

Hanno assegnato a ciascun gruppo familiare un punteggio basato su una misura di deprivazione relativa per ogni area di quartiere in Gran Bretagna oggi. Hanno quindi attribuito questi punteggi del gruppo familiare a ogni antenato nominato nel censimento del 1851. 

La media dei punteggi degli antenati per ogni comune del 1851 è un “indice futuro di privazione multipla” che i residenti del comune lascerebbero oggi in eredità ai loro discendenti.

Gli autori hanno trovato chiare e durature divisioni regionali nelle prospettive lasciate in eredità alle attuali popolazioni di Inghilterra e Scozia.

Hanno indicato anche l’esistenza di una divisione nord-sud in Inghilterra, delimitata dal Devon ad ovest e da una linea che si estende a nord-est tra l’estuario del Severn e il Wash, e hanno suggerito come le radici familiari nelle città industriali settentrionali siano oggi associate ad esiti sfavorevoli.

Gli autori dello studio hanno identificato anche un gradiente est-ovest in Scozia, con aree orientali che condividono livelli di disagio simili a quelli dei centri industriali del XIX secolo, come Liverpool e Manchester.

Sebbene si dimostri che la migrazione mitiga parzialmente queste disuguaglianze, gli autori hanno notato che la maggior parte dei gruppi familiari rimane concentrata nelle loro terre ancestrali e quindi continua a sperimentare gli svantaggi a lungo termine conferiti dalla posizione geografica.