Senza impollinatori scompare un terzo delle piante da fiore

Senza impollinatori scompare un terzo delle piante da fiore

Secondo uno studio sudafricano, la metà subirebbe una riduzione della fertilità dell'80% o più

 senza impollinatori un terzo piante da fiore scompare

©  afp - ¬†api

AGI - La metà di tutte le specie di piante da fiore del mondo, circa 175.000 specie, si affidano principalmente o completamente agli impollinatori animali per produrre semi e quindi riprodursi. A quantificarlo per la prima volta sono stati i ricercatori dell'Università di Stellenbosch, in Sudafrica, e dell'unità Synthesis Centre (sDiv) del German Centre for Integrative Biodiversity Research (iDiv) ed il loro studio è stato pubblicato sulla rivista Science Advances.

Il declino degli impollinatori potrebbe quindi causare gravi perturbazioni negli ecosistemi naturali, inclusa la perdita di biodiversità. "Studi recenti mostrano che molte specie di impollinatori sono diminuite di numero, alcune addirittura estinte.

La nostra scoperta, che quantifica come un gran numero di specie di piante selvatiche si affida agli impollinatori, mostra che il loro declino potrebbe causare gravi interruzioni negli ecosistemi naturali", ha avvertito il Rodger, ricercatore post-doc presso il Dipartimento di Scienze Matematiche dell'Università di Stellenbosch (SU) e autore principale.

I ricercatori hanno utilizzato il contributo degli impollinatori alla produzione di semi, misurato e confrontato la produzione di semi in assenza di impollinatori con la produzione di semi con gli impollinatori presenti, come indicatore della loro importanza per le piante. I dati su questo esistevano, ma sono stati diffusi in centinaia di articoli, ciascuno incentrato su esperimenti di impollinazione su diverse specie di piante.

Per affrontare questo problema è stato prodotto un nuovo database che include i dati di 1.528 esperimenti separati, che rappresentano 1.392 popolazioni di piante e 1.174 specie di 143 famiglie di piante e di tutti i continenti tranne l'Antartide. 

I risultati mostrano che, senza impollinatori, un terzo delle specie di piante da fiore non produrrebbe semi e la metà subirebbe una riduzione della fertilità dell'80% o più.

Pertanto, anche se l'autofertilità è comune, non compensa affatto completamente le riduzioni del servizio di impollinazione nella maggior parte delle specie vegetali.

Tuttavia, secondo Rodger, non è tutto negativo. Molte piante sono longeve, aprendo una finestra di opportunità per ripristinare gli impollinatori prima che si verifichi l'estinzione delle piante per mancanza di impollinatori.

"Ci mancano dati di monitoraggio a lungo termine di alta qualità sugli impollinatori in Africa, ad esempio, incluso il Sudafrica, sebbene siano stati avviati alcuni lavori in questo senso", ha concluso Rodger. "Speriamo che i nostri risultati stimoleranno di più questo tipo di ricerca, in modo da poter rilevare il declino degli impollinatori e mitigare il loro impatto sulla biodiversità."