Piccoli buchi neri hanno creato un 'mostro' nella Via Lattea? Uno studio

Piccoli buchi neri hanno creato un 'mostro' nella Via Lattea? Uno studio

Secondo ricercatori italiani e francesi, il buco nero supermassiccio che si trova al centro della nostra Galassia potrebbe essere il risultato della fusione di altri oggetti simili ma molto più piccoli, che orbitando hanno perso energia e si sono aggregati

studio nascita buco nero via lattea 

© Handout / European Southern Observatory / AFP 
- Un buco nero fotografato dall'European Southern Observatory nella galassia Messier 87

AGI - Sagittarius A* (Sgr A*), il buco nero supermassiccio che si trova al centro della nostra Galassia, potrebbe essere il residuo di un insieme di buchi neri più leggeri che si sono fusi tra loro.

Più precisamente, secondo lo studio realizzato da Roberto Capuzzo Dolcetta del Dipartimento di Fisica della Sapienza Università di Roma in collaborazione con la École Normale Supérieure di Parigi, la formazione del buco nero supermassiccio della Via Lattea può derivare dalla rapidissima aggregazione, che avviene tramite collisioni successive, di un “pacchetto” di buchi neri più leggeri, trasportati al centro della Galassia dagli ammassi stellari che li ospitavano e che orbitando hanno perso progressivamente energia, fino a fondersi.

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, sono stati ottenuti attraverso simulazioni numeriche sofisticate e di alta precisione, condotte anche su computer del Centro di Ricerca Amaldi della Sapienza.

Sgr A* è anche il punto della nostra Galassia in cui si trova un oggetto estremamente compatto - 4 milioni di volte più massiccio del Sole - un componente caratteristico dei centri di molte galassie ellittiche e spirali.     

L’identificazione di questo “mostro celeste” ha fatto vincere il premio Nobel 2020 per la fisica agli scienziati Reinhard Genzel e Andrea Ghez, che hanno effettuato misurazioni dei movimenti delle stelle nella regione centrale della Galassia così precise da contribuire a dimostrare l’esistenza di questo oggetto, molto probabilmente assimilabile a un buco nero supermassiccio.