Nuova strategia per creare vasi sanguigni con la biostampa in 3D

Nuova strategia per creare vasi sanguigni con la biostampa in 3D

Ricercatori italiani hanno utilizzato le vescicole extracellulari che rivestono l’interno dei vasi e trasportano proteine e acidi nucleici come bioadditivo per la generazione di bioinchiostro, l’idrogel usato nei processi di biostampa 3D

vasi sanguigni stampa 3d

© Sebastian Kaulitzki/Science Photo Library via AFP 
- Un'illustrazione dei vasi sanguigni della mano

AGI - Una strategia per generare nuovi vasi sanguigni in organismi viventi, evitando l’immunorigetto, è stata sviluppata da un gruppo di ricercatori dell’Istituto di tecnologie biomediche del Consiglio nazionale delle ricerche di Milano (Cnr-Itb) e della Fondazione istituto nazionale di genetica molecolare (Ingm).

“Per la prima volta - spiega Roberto Rizzi ricercatore del Cnr-Itb e Ingm e coordinatore dello studio - sono state utilizzate le vescicole extracellulari - microbolle prodotte dalla membrana delle cellule endoteliali, che rivestono l’interno dei vasi e trasportano proteine e acidi nucleici in grado di diffondere istruzioni alle cellule circostanti - come bioadditivo per la generazione di bioinchiostro, cioè l’idrogel utilizzato nei processi di biostampa 3D, che può essere costituito da biomateriali sintetici, naturali o misti".

"I bioinchiostri in forma di idrogel composti da Gelatina Metacrilata, addizionati con vescicole extracellulari endoteliali, hanno garantito una rapida generazione di nuovi vasi sanguigni in modelli animali,sia immunodeficienti che non, impiantati con strutture 3D biostampate”, aggiunge il ricercatore. Lo studio, pubblicato sulla rivista internazionale Biofabrication, apre la strada ad applicazioni avanzate di medicina rigenerativa cellulare, garantendo un pronto nutrimento ematico al tessuto trapiantato e garantendo un attecchimento funzionale. Aggiunge Rizzi: “Combinando competenze di biologia cellulare e molecolare con la chimica e l’ingegneria dei tessuti è stato possibile ottenere strutture vascolari altamente specializzate e funzionali mediante il meccanismo di richiamo, nel sito danneggiato di cellule deputate a formare vasi sanguigni”.