Due terzi delle specie di uccelli nel Nord America sono a rischio estinzione

È l'allarme lanciato dalla National Audubon Society. Gli esperti stimano che se l'emissione di gas serra non viene rallentata, 389 specie su 604 in Nord America dovranno affrontare l'estinzione

clima estinzione uccelli gas serra
EMILE BARBELETTE / BIOSPHOTO
aquila reale

Due terzi delle specie di uccelli nel Nord America, che stanno già scomparendo a un ritmo allarmante, rischiano l'estinzione a meno che non vengano intraprese azioni immediate per rallentare i cambiamenti climatici. È l'allarme lanciato dalla National Audubon Society. Gli esperti stimano che se l'emissione di gas serra, incolpati per il riscaldamento globale, non viene rallentata, 389 specie su 604 in Nord America dovranno affrontare l'estinzione. 

Mentre il pianeta si riscalda, gli uccelli sarebbero costretti a trasferirsi per trovare un habitat più favorevole e potrebbero non sopravvivere a questo viaggio, secondo il rapporto. Ma se l'atteso aumento delle temperature di 3 gradi Celsius entro il 2080 verrà rallentato a 1,5 gradi Celsius, secondo i ricercatori, quasi il 40 per cento di quelle specie non sarebbe più considerato vulnerabile. Le specie più minacciate sono quelle che vivono nella fredda zona artica e quelle che vivono nelle zone costiere. 

Gli uccelli messi in pericolo dall'aumento di temperatura previsto includono specie così ampiamente conosciute e amate come il piviere delle tubature, l'oriolo di Baltimora e l'aquila reale. Mentre si prevede che alcune specie muoiano a causa dell'aumento delle temperature, altri uccelli che prosperano in climi più caldi, i climi meridionali si trasferiranno nelle zone settentrionali. Qualcosa che, secondo i ricercatori, sta già accadendo. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it