Tracce d'Italia a Los Angeles, presentata guida virtuale

(AGI) - Los Angeles, 17 dic. - Alla scoperta delle tracced'Italia a Los Angeles: e' stato presentato il quartoitinerario di Italy Art LA, la guida virtuale per smartphonededicata all'arte e alla cultura italiana nella metropolicaliforniana. L'iniziativa e' nata dall'idea dell'ambasciataitaliana a Washington che nel 2011, in occasione dei 150 annidell'unita' d'Italia, aveva creato un progetto dedicato alpatrimonio artistico negli Stati Uniti. L'Istituto italiano dicultura di Los Angeles ne ha tratto spunto per realizzare nel2012 un opuscolo e poi un'App per smartphone, prodotta daMediars e dedicata alla citta' di Los Angeles

(AGI) - Los Angeles, 17 dic. - Alla scoperta delle tracced'Italia a Los Angeles: e' stato presentato il quartoitinerario di Italy Art LA, la guida virtuale per smartphonededicata all'arte e alla cultura italiana nella metropolicaliforniana. L'iniziativa e' nata dall'idea dell'ambasciataitaliana a Washington che nel 2011, in occasione dei 150 annidell'unita' d'Italia, aveva creato un progetto dedicato alpatrimonio artistico negli Stati Uniti. L'Istituto italiano dicultura di Los Angeles ne ha tratto spunto per realizzare nel2012 un opuscolo e poi un'App per smartphone, prodotta daMediars e dedicata alla citta' di Los Angeles e al suopatrimonio artistico e culturale. I primi 3 itinerari,sviluppati negli ultimi due anni e scaricabili gratuitamente,sono dedicati interamente all'arte mentre il quarto racconta,attraverso storie e luoghi, la migrazione italiana nella citta'degli angeli. Si parla della follia e del genio del padre delleWatts Towers, Sabato Rodia, del senso degli affari e dellagenerosita' della donna piu' bella di Los Angeles, ArcadiaBandini, fino al talento del latin lover per eccellenza,Rodolfo Valentino. C'e' poi l'arte di fare il vino che gliitaliani esecitavano su Olvera Street, e il primo grande portodella nazione, creato dai fratelli Di Rocco a San Pedro. Altridue itinerari, dedicati all'enogastronomia e al design, sarannopubblicati nel 2015. All'evento di presentazione pressol'Istituto si sono esibiti Roberto Cani, primo violino allaL.A. Opera, e il chitarrista classico Giuseppe Patane'. (AGI).