M. O.: Ban Ki-moon a sorpresa, oggi da Netanyahu e Abu Mazen

(AGI) - Gerusalemme, 20 ott. - Visita a sorpresa in Israele enei Territori occupati per il segretario generale dell'Onu, BanKi-moon, che si rechera' nella regione nel tentativo di ridurrela tensione dopo tre settimane di continue violenze che hannogia' fatto 8 morti tra gli israeliani e una quarantina tra ipalestinesi. Secondo una fonte israeliana, sara' una visitabreve di due giorni, come hanno confermato anche da Ramallah,parlando di una visita non a sorpresa "ma con carattere diurgenza, ce lo hanno annunciato all'ultimo momento". Inprogramma per Ban un incontro con il presidente dello Stato

(AGI) - Gerusalemme, 20 ott. - Visita a sorpresa in Israele enei Territori occupati per il segretario generale dell'Onu, BanKi-moon, che si rechera' nella regione nel tentativo di ridurrela tensione dopo tre settimane di continue violenze che hannogia' fatto 8 morti tra gli israeliani e una quarantina tra ipalestinesi. Secondo una fonte israeliana, sara' una visitabreve di due giorni, come hanno confermato anche da Ramallah,parlando di una visita non a sorpresa "ma con carattere diurgenza, ce lo hanno annunciato all'ultimo momento". Inprogramma per Ban un incontro con il presidente dello Statoebraico, Reuven Rivlin, alle 15.30 ora locale (14.30 oraitaliana), mentre alle 20 vedra' il premier israeliano,Benjamin Netanyahu, che e' di ritorno dalla Repubblica Ceca invista della missione a Berlino di mercoledi' dove dovrebbeincontrare il segretario di Stato Usa, John Kerry. Domani sara'la volta del presidente dell'Autorita' nazionale palestinese,Abu Mazen, con il quale il segretario generale dell'Onu siincontrera' a Ramallah. Alla vigilia della sua visita asorpresa, Ban in un video ha esortato alla calma, comprendendoil timore degli israeliani per gli attacchi "quando i bambinihanno paura di andare a scuola, quando chiunque in strada e'una potenziale vittima". Allo stesso tempo, ha aggiunto,"guerre, checkpoint, dure risposte da parte delle forze disicurezza e demolizioni di case non possono sorreggere la pacee la sicurezza di cui avete bisogno e che dovete avere". Ilsegretario generale Onu ha ugualmente riconosciuto che "lesperanze per la pace" dei palestinesi sono state "infranteinnumerevoli volte, siete arrabbiati per la continuaoccupazione e l'espansione delle colonie". Ma, ha concluso,bisogna usare "una voce pacifica per il cambiamento": "inquesto momento difficile dobbiamo dire, quando e' troppo e'troppo". .