INDONESIA, SI COMMEMORA LA GRANDE GUERRA CON LA MUSICA

(VELINO) Roma, 7 Ott - In Indonesia si commemora il centenariodella Grande Guerra con la musica. L'11 ottobre la nostraambasciata e l'Istituto Italiano di cultura (Iic) a Jakartaospiteranno all'Auditorium dell'Istituto "A' la vie!",spettacolo realizzato dal Duo Alterno composto da RiccardoPiacentini (compositore-pianista) e Tiziana Scandaletti(soprano). Lo spettacolo si aprira' con una performance didanza, su uno dei piu' celebri tanghi composti nel periodobellico, per proseguire con una gemma della vocalita' da cameraitaliana a firma del compositore veneziano Gian FrancescoMalipiero, "I Sonetti delle Fate". Scritti nell'anno stessodello scoppio della Prima Guerra Mondiale

(VELINO) Roma, 7 Ott - In Indonesia si commemora il centenariodella Grande Guerra con la musica. L'11 ottobre la nostraambasciata e l'Istituto Italiano di cultura (Iic) a Jakartaospiteranno all'Auditorium dell'Istituto "A' la vie!",spettacolo realizzato dal Duo Alterno composto da RiccardoPiacentini (compositore-pianista) e Tiziana Scandaletti(soprano). Lo spettacolo si aprira' con una performance didanza, su uno dei piu' celebri tanghi composti nel periodobellico, per proseguire con una gemma della vocalita' da cameraitaliana a firma del compositore veneziano Gian FrancescoMalipiero, "I Sonetti delle Fate". Scritti nell'anno stessodello scoppio della Prima Guerra Mondiale sui testi fortementeallusivi di Gabriele D'Annunzio, rimandano a una dimensionefavolistica e surreale, sorta di intimo teatro da camera nelquale ciascun brano si appella a una fata e, insieme, aun'ambientazione tra inquieta e misteriosa. Il brano "A' lavie", scritto cent'anni dopo dal compositore torinese RiccardoPiacentini, (eseguito nell'occasione con le sue due partiseparate) da' il nome all'intero programma estrapolandol'ultima parte del titolo del pezzo successivo di AlfredoCasella e reindirizzandone il senso. Vuole essere un omaggio adue geniali figure artistiche del primo Novecento: il russoKazimir Malevic e l'italiano Umberto Boccioni, che nel 1914lavorarono rispettivamente a "L'aviatore" e "Dinamismo di unatesta d'uomo", due delle opere figurative piu' iconiche delperiodo. Il brano peraltro si avvale, oltre che dei contributipittorici anche di testi scritti negli stessi anni da RainerMaria Rilke ed e' per pianoforte, video-proiezioni e foto-suoni(estratti dal paesaggio sonoro registrati dallo stesso autore).Seguira' "L'adieu a' la vie", scritto allo scoppio dellaGuerra dal compositore e pianista Alfredo Casella, anch'eglitorinese di natali, parigino di formazione. E' una meditazionedi circa quindici minuti sui testi del premio Nobel per laLetteratura (1913) il poeta indiano Rabindranath Tagore, nellatraduzione francese di Andre' Gide. A conclusione dellospettacolo verra' eseguita "Consolazione" di Francesco PaoloTosti, tra i piu' grandi compositori di musica vocale da camerain Italia. Il brano fu scritto durante la Grande Guerra, pochesettimane prima che Tosti morisse. L'evento fa parte delProgramma ufficiale delle commemorazioni del Centenario dellaprima Guerra mondiale a cura della Presidenza del Consiglio. vel.