Camorra: arrestato boss Cuccaro, cosca di Barra decimata

(AGI) - Napoli, 21 giu. - Con l'arresto di Luigi Cuccaro inliberta' della 'famiglia' egemone nel quartiere di Napoli diBarra, resta solo Michele, latitante da qualche anno. Dietro lesbarre, ora, ci sono Raffaele, arrestato il 29 luglio 2008,Angelo preso ad Ardea, in provincia di Roma, il 16 marzo delloscorso anno, e all'alba odierna e' toccato a Luigi, ricercatoda due anni per due provvedimenti restrittivi per associazionemafiosa e droga e da poco anche da una terza ordinanzacautelare per l'omicidio di Ciro Veneruso, ucciso il 26 luglio1996. Secondo quanto E' stato ricostruito dagli

(AGI) - Napoli, 21 giu. - Con l'arresto di Luigi Cuccaro inliberta' della 'famiglia' egemone nel quartiere di Napoli diBarra, resta solo Michele, latitante da qualche anno. Dietro lesbarre, ora, ci sono Raffaele, arrestato il 29 luglio 2008,Angelo preso ad Ardea, in provincia di Roma, il 16 marzo delloscorso anno, e all'alba odierna e' toccato a Luigi, ricercatoda due anni per due provvedimenti restrittivi per associazionemafiosa e droga e da poco anche da una terza ordinanzacautelare per l'omicidio di Ciro Veneruso, ucciso il 26 luglio1996. Secondo quanto E' stato ricostruito dagli inquirenti, Veneruso fu assassinato per sancire una pace tra i clanfederati del quartiere Barra, dopo una breve rottura collegatacon la cattiva gestione del mercato della droga attribuita allavittima. Luigi Cuccaro si era gia' reso latitante una primavolta, per oltre un anno, agli inizi dell'anno 2000. persfuggire all'esecuzione di tre ordinanze restrittive per lequali venne arrestato l'8 aprile 2001. Con la sua famiglia,l'allora ventottenne si era trasferito in un comune vicinoLatina, dove fu individuato e catturato all'uscita della suaabitazione. L'uomo era accusato di associazione a delinquere distampo camorristico, detenzione di armi da guerra e traffico didroga. Sul suo conto, in quegli anni, si indago' anche perl'agguato mortale a Luigi Amitrano, saltato in aria la nottedel 25 aprile 1998 nel quartiere di Ponticelli. A carico diCuccaro era stata ipotizzata anche l'accusa di avere esploso uncolpo di bazooka, di provenienza sovietica, contro il boss diPianura, Pietro Lago, che era a bordo della sua auto blindata,salvatosi per miracolo. Episodio accaduto il 3 ottobre 1998.Entrambe le vicende pero' sono prive di conseguente giudiziarieper il 41 enne reggente della fosca arrestato oggi. .