Borsa Shanghai: chiude a +3, 28%, migliore da agosto

(AGI) - Roma, 12 ott. - Borse cinesi in forte rialzo inapertura di settimana, sulle dichiarazioni del vice governatoredella banca centrale cinese, Yi Gang, secondo cui la correzionedei mercati e' "quasi terminata". Shanghai ha chiuso in rialzodel 3,28% a 3287,66 punti, mentre Shenzhen ha terminato laseduta segnando un +4%: per entrambe le piazze e' stata laperformance piu' positiva dal 24 agosto scorso, il "lunedi'nero" delle borse cinesi, con Shanghai che aveva perso l'8,49%,anche se sia Shanghai che Shenzhen hanno perso oltre il 30% delloro valore da giugno scorso, prima che esplodesse

(AGI) - Roma, 12 ott. - Borse cinesi in forte rialzo inapertura di settimana, sulle dichiarazioni del vice governatoredella banca centrale cinese, Yi Gang, secondo cui la correzionedei mercati e' "quasi terminata". Shanghai ha chiuso in rialzodel 3,28% a 3287,66 punti, mentre Shenzhen ha terminato laseduta segnando un +4%: per entrambe le piazze e' stata laperformance piu' positiva dal 24 agosto scorso, il "lunedi'nero" delle borse cinesi, con Shanghai che aveva perso l'8,49%,anche se sia Shanghai che Shenzhen hanno perso oltre il 30% delloro valore da giugno scorso, prima che esplodesse la bolla deimercati cinesi. I rialzi di oggi arrivano dopo la notizia del programma diestensione dei prestiti delle banche autorizzato dalla People'sBank of China e diretto alle piccole imprese, che ha sollevatosperanze di ulteriori misure di allenamento delle politichemonetarie, dopo i cinque tagli dei tassi di interesse e lequattro riduzioni del coefficiente di riserva obbligatoriodelle banche che si sono succeduti da novembre 2014. Lo schemaverra' espanso anche alle citta' di Pechino, Shanghai eChongqing e ad altre sei province cinesi per favorire lacrescita tramite il rifinanziamento dei prestiti di altaqualita'. Gli investitori sono in attesa anche del tredicesimopiano quinquennale, che prende in considerazione gli anni trail 2016 e il 2020 e dal quale si prevedono nuove misure perfavorire la crescita, oggi ai ritmi piu' bassi degli ultimi 25anni, con l'obiettivo di raggiungere un comunque ragguardevole+7% entro fine 2015. .