Vaccini: procura Torino indaga su esavalente. Dopo esposto Codacons aperta inchiesta per accertare possibili effetti negativi su salute.

Secondo uno studio scientifico l’esavalente fornito in Italia conterrebbe micro e nanoparticelle

(Codacons) - La Procura della Repubblica di Torino ha formalmente aperto un'inchiesta sui vaccini commercializzati in Italia. La decisione della magistratura fa seguito ad un esposto inviato nelle settimane scorse dal Codacons in cui si chiedeva di fare chiarezza sull’esavalente e sugli effetti della combinazione di 6 vaccinazioni per la salute umana. Al centro dell’esposto dell’associazione uno studio scientifico pubblicato a gennaio
dall'International Journal of Vaccines and Vaccination e condotto da due specialisti in nanotecnologie, Antonietta Gatti e Stefano Montanari, che hanno analizzato i vaccini esavalenti della Glaxo rilevando una contaminazione da micro e nanoparticelle. Il Pm di Torino Vincenzo Pacileo ha deciso di vederci chiaro sull’esposto del Codacons, aprendo una indagine al momento senza ipotesi di reato, affidando accertamenti specifici ai Nas e valutando di disporre una apposita perizia sul caso. “Il nostro scopo non è certo quello di minare la credibilità dei vaccini o di contestare l’importanza delle vaccinazioni, che riteniamo indispensabili, ma pretendiamo massima chiarezza specie sulla combinazione di più vaccini, sulle conseguenza per la salute umana e sugli interessi economici che si celano dietro l’esavalente",  spiega il presidente Carlo Rienzi.