Spiagge: Corte Ue boccia proroga concessioni Italia

Codacons: subito nuovi bandi. E per questa estate spiagge tutte libere affidate a chi si farà carico di pulire arenile

(Codacons) - Bene per il Codacons la decisione della Corte europea che ha bocciato la proroga automatica decisa dall'Italia per le concessioni demaniali marittime e lacustri fino al 31 dicembre 2020.
“In Italia il settore delle spiagge è stato finora una vera e propria giungla dove non sempre si è operato nella legalità, come ha confermato la Corte – commenta il presidente Carlo Rienzi – La decisione odierna non lascia spazio alle interpretazioni: ora il Governo deve indire subito nuovi bandi e per questa estate spiagge libere su tutto il territorio, con concessioni provvisorie affidate a chi si assume l’onere di pulire e mantenere protetto l’arenile, affittando lettini e ombrelloni a prezzi calmierati fissati dai Comuni”.