Scontro treni: Squallido scaricabarile di responsabilita', ma sono tutti colpevoli

(Codacons) - Si costuisce parte offesa e lancia azione risarcitoria gratuita per i passeggeri dei due convogli: hanno diritto a mega-risarcimento. Nostri avvocati gia' a lavoro
 
All'indomani della tragedia ferroviaria che ha sconvolto la Puglia, si registra il solito squallido scaricabarile di responsabilita' tra istituzioni, politica ed enti, che cercano di lavarsi la coscienza chiamandosi fuori da qualsiasi colpa. Lo denuncia oggi il Codacons, che afferma: "L'unica verita' e' che sono tutti colpevoli, dal Governo agli enti locali, perche' hanno ridotto il trasporto ferroviario del sud Italia a livelli da terzo mondo, con treni che viaggiano ancora a binario unico e la sicurezza affidata al fattore umano, in assenza di qualsiasi automatismo o tecnologia in grado di evitare incidenti, riservata alle linee ferroviarie del Nord e all'Alta Velocita', molto piu' redditizie e quindi degne di investimenti miliardari - spiega il Presidente Carlo Rienzi - Il secondo binario sulla tratta teatro dell'incidente doveva essere realizzato gia' dal 2015: sono evidenti le responsabilita' delle istituzioni che hanno ritardato il progetto nonostante i fondi erogati".
Il Codacons - unica associazione intervenuta con fermezza dopo la tragedia ferroviaria di ieri - ha deciso di avviare una battaglia legale a tutela degli utenti del trasporto ferroviario, costituendosi parte offesa nel procedimento penale aperto dalla Procura di Trani. Non solo. Per l'associazione tutti i passeggeri dei due treni coinvolti nello scontro di ieri hanno diritto ad un mega-risarcimento danni, anche in assenza di lesioni fisiche, per i rischi corsi e per la paura e lo stress subiti. In tal senso l'ufficio legale del Codacons ha gia' avviato le procedure per l'azione risarcitoria, alla quale i viaggiatori possono GRATUITAMENTE aderire inviando una mail all'indirizzo info@codacons.it.