Sanita': settimana ad alto rischio tra tentativi di riforma e pericolo di nuovi tagli

GARANTIRE I DIRITTI DEI CITTADINI E SCONGIURARE LA PRIVATIZZAZIONE DELLE PRESTAZIONI

In Parlamento sono in discussione i progetti di riforma che riguardano ISS, AIFA e AGENAS, la proposta di legge  per l'assistenza di persone con grave disabilita' e senza sostegno familiare, il DdL per il riutilizzo dei farmaci,  il Disegno di Legge Lorenzin.

Il Governo si appresta, inoltre, a ridurre le spese dei ministeri in base a "tagli semi-lineari" del 3% delle spese di ciascun Ministero. Un passaggio  istituzionale pieno di incognite e pericoli per il diritto alla salute e per il Servizio Sanitario Nazionale. 

Un pericolo che non possiamo accettare. Federconsumatori ribadisce la necessita' di:

- garantire a tutti i cittadini livelli equi ed adeguati di assistenza, 

- bloccare la privatizzazione strisciante della sanita', che comporta la caduta della qualita' dei servizi nonche' intollerabili esclusioni e discriminazioni ,

- intervenire con severita' relativamente a episodi di corruzione, inefficienze e sprechi che in sanita' continuano a registrare livelli inaccettabili.

E' indispensabile che il Governo rispetti l'impegno di reinvestire nella sanita' pubblica i  risparmi realizzati in tale settore.

Come ribadiamo da anni bisogna attuare ogni sforzo per impedire che le motivazioni legate al "pareggio di bilancio" compromettano un valore fondamentale come la tutela del diritto alla salute garantito dal sistema universalistico. 

10 settembre 2014