Roma: utenti restano chiusi nella stazione della metro

CODACONS: PROCURA INDAGHI PER SEQUESTRO DI PERSONA. E COMUNE FACCIA CADERE QUALCHE TESTA

Una sorta di sequestro di persona sul quale ora dovra' indagare la Procura della Repubblica di Roma. Lo afferma il Codacons, intervenendo sul caso dei passeggeri rimasti chiusi sabato notte all'interno della stazione della metro Flaminio, e annunciando un esposto alla magistratura.

"Un episodio scandaloso che non puo' non avere conseguenze - spiega il presidente Carlo Rienzi - L' assessore Stefano Esposito non puo' limitarsi a dire che "questa e' l'azienda che abbiamo", ma deve adoperarsi passando ai fatti. Si cominci col far cadere qualche testa, licenziando i responsabili della stazione Flaminio e punendo con provvedimenti severi chi crea disagi all'utenza, e forse le cose inizieranno davvero a cambiare".

Il Codacons presentera' oggi stesso un esposto alla Procura di Roma su quanto accaduto sabato notte alla stazione Flaminio, chiedendo di verificare i fatti e le relative responsabilita', alla luce del reato di sequestro di persona per dolo eventuale, sulla base dell'art. 605 del Codice Penale che recita:

"Chiunque priva taluno della liberta' personale e' punito con la reclusione da sei mesi a otto anni".

15 settembre 2015