Roma: il sindaco Marino dovra' versare 1.000 euro al Codacons.

Per il Tar del Lazio Roma Metropolitane colpevole di non aver mostrato gli atti relativi alla pedonalizzazione dei fori imperiali

Il Sindaco di Roma, Ignazio Marino, dovrà versare al Codacons 1.000 euro a titolo di risarcimento per le spese processuali sostenute dall’associazione nell’ambito di un ricorso al Tar del Lazio.

Lo ha deciso la II sezione Ter del Tribunale Amministrativo (Pres. Maddalena Filippi, Rel. Giuseppe Rotondo), pronunciandosi sul ricorso presentato dal Codacons contro il rifiuto opposto dal Comune di Roma a mostrare all’associazione gli atti relativi alla pedonalizzazione dei Fori Imperiali.

Lo scorso anno – spiega il Presidente Carlo Rienzi – chiedemmo all’amministrazione comunale di accedere ai documenti sul progetto di pedonalizzazione dei Fori, per conoscerne costi, modalità di attuazione, istruttorie seguite, ecc. Tale richiesta, però, non trovò accoglimento, costringendoci a ricorrere al Tar.

Oggi i giudici non solo hanno riconosciuto il diritto del Codacons a visionare gli atti sulla pedonalizzazione, stabilendo che “la richiesta di accesso relativa ai suddetti atti s’appalesa pertinente alla sfera di legittimazione attiva di Codacons siccome funzionale, per ambito oggettivo, al perseguimento delle finalità statutarie dell’Associazione”, ma hanno anche condannato Roma Metropolitane – società del Comune di Roma responsabile del rifiuto – a risarcire l’associazione con 1.000 euro per le spese processuali sostenute.

“Ora il Sindaco Marino e la Corte dei Conti dovranno chiedere conto di tale spesa direttamente al funzionario di Roma Metropolitane che, inspiegabilmente, ha rifiutato di fornire al Codacons i documenti cui aveva diritto” – conclude il presidente Carlo Rienzi.

 18 luglio 2014