Rai: Codacons, Anac giri atti a Procura. Nomine sono pagate dagli utenti attraverso il canone

Rai: Anac, su nomine manager carenze e irregolarità. 

(Codacons) - Per il Codacons non è sufficiente il richiamo dell’Anac relativo alle 21 nomine di manager esterni in Rai, da cui emergono carenze, irregolarità e situazioni di conflitto di interessi.

“Chiediamo a Cantone di girare gli atti sulle nomine alla Procura della Repubblica di Roma – afferma il presidente Carlo Rienzi – Seppur il parere dell’Anac non sia vincolante per l’azienda, riteniamo si debba valutare la possibilità di aprire una indagine sul caso, alla luce dell’eventuale abuso di atti d’ufficio. Ricordiamo infatti che la Rai è una azienda pubblica, finanziata dagli utenti attraverso il canone, e a maggior ragione le nomine, che comportano conseguenze dirette sui cittadini sia a livello di costi che di qualità del servizio pubblico, devono essere fatte in modo trasparenze e sulla base di criteri oggettivi. L’Anac ci dice invece che sono emerse gravi carenze e il mancato rispetto degli obblighi in capo all’azienda, circostanze sulle quali, a nostro parere, deve indagare la magistratura” – conclude Rienzi.