Popolari, Insider Trading: Matteo Renzi sentito dai pm di Roma come teste

(Codacons) - Fuori i nomi di chi ha speculato su Popolari, presentata diffida urgente a Consob. Associazione si costituisce parte offesa nell'inchiesta
 
Il Codacons vuole sapere i nomi dei soggetti che hanno speculato sul provvedimento dl Governo relativo alle banche popolari. In tal senso l'associazione dei consumatori presenta oggi una diffida urgente alla Consob affinche' diffonda l'elenco ufficiale di societa' e soggetti che hanno ottenuto plusvalenze realizzate in Borsa a seguito del decreto governativo.
 
"I cittadini hanno diritto di sapere chi sono questi "furbetti della Borsa" e quanto hanno guadagnato grazie alle banche popolari - afferma il presidente Carlo Rienzi - E' inaccettabile che mentre migliaia di risparmiatori sono stati letteralmente rovinati dai provvedimenti del Governo Renzi sulle banche, pochi fortunati si siano al contrario arricchiti, attraverso comportamenti illeciti come l'insider trading".
 
Il Codacons inoltre, che rappresenta in Italia il maggior numero di obbligazionisti e azionisti danneggiati dalle banche, ha deciso di costituirsi parte offesa nell'inchiesta della Procura di Roma, e se emergeranno illeciti avviera' le dovute richieste risarcitorie per conto dei risparmiatori italiani.