Manovra: governo, anticipo taglio slot, 15% entro 2017. Codacons, è misura di facciata

Contro piaga del gioco governo dia poteri ai sindaci, vieti pubblicita’ e impedisca a calciatori e sportivi di sponsorizzare societa’ del gioco

(Codacons) - L'emendamento del Governo alla manovra che anticipa la riduzione delle slot con una diminuzione del loro numero del 15% entro il 2017 è per il Codacons solo una misura di facciata, che non risolve la grave piaga del gioco in Italia. “Lo Stato 'biscazziere' tenta di mettere una toppa al problema della ludopatia con una mini-riduzione delle slot, provvedimento che nella realtà non servirà a nulla", spiega il presidente Carlo Rienzi. "Le sale da gioco sono talmente tanto numerose e diffuse in Italia che i giocatori troveranno facilmente slot dove rovinarsi, anche se il loro numero scenderà del 15%. Se davvero il Governo vuole combattere la piaga del gioco, deve dare potere ai sindaci di limitare numero, orari e luoghi delle sale slot, deve vietare in modo totale qualsiasi forma di pubblicità al gioco e impedire che calciatori e sportivi diventino testimonial delle società del gioco avvicinando i giovani all’azzardo”, conclude Rienzi. Intanto il Codacons fa sapere che a breve lancerà una azione legale contro Stato Italiano e gestori del gioco in favore dei soggetti che hanno sviluppato forme di dipendenza.