Lavoro: Italia maglia nera, con il jobs act che aggrava la precarieta'

ADUSBEF E FEDERCONSUMATORI LANCIANO SFIDA A GOVERNO: PERCHE' ALCUNA BANCA EROGA MUTUO ASSUNTI  'TUTELE CRESCENTI', SENZA COSTOSA POLIZZA?

   Gli entusiastici proclami di Governo e ministro del Lavoro, si infrangono, purtroppo, sui dati  Eurostat sulla occupazione, che vede l'Italia maglia nera per tasso di attivita' inferiore di 10 punti alla media dei 28 Paesi europei, con meno di due persone su tre, tra i 15 e i 64 anni, nel mercato del lavoro (tra lavoratori e coloro che cercano), il livello piu' basso in Europa.

  Lo studio Eurostat sul terzo trimestre 2014, fotografava oltre 3,6 milioni di persone che sarebbero disponibili a lavorare ma non cercano impiego: il 14,2% della forza lavoro, oltre tre volte la media Ue-28 (4,1%), con una percentuale salita su base tendenziale dello 0,2 % in Ue, dell'1,1% in Italia.

   Nel terzo trimestre 2014 inoltre,  se si sommano ai tre milioni di disoccupati (oltre 3,4 milioni il dato mensile di novembre) i 3,6 milioni di persone che non cercano impiego ma sarebbero disponibili a lavorare, si superano i 6,6 milioni di persone, il 7,8% in piu' dello stesso periodo del 2013. Il dato sulle persone che "non cercano ma sono disponibili" (tra i quali gli scoraggiati) e' il 14,2% oltre tre volte la media Ue (4,1%).

  Dalle tabelle sulle percentuali di attivita' in Ue secondo le quali l'Italia ha fatto passi avanti in questi ultimi 10 anni inferiori alla media e resta con il 63,9% quasi 10 punti al di sotto della media Ue-28 (72,3%), con il basso tasso di attivita' femminile (54,4%), di oltre 12 punti inferiore alla media Ue e di circa 25 punti rispetto alla Svezia (79,3%), emerge un quadro poco rassicurante anche sulle future prospettive occupazionali, che invece di limitare la precarieta', rischia di aggravarla.

Adusbef e Federconsumatori, che nei giorni scorsi hanno inviato alcuni giovani che si sono finti neo-assunti con contratti a 'tutele crescenti' nei principali sportelli bancari per chiedere un mutuo 'prima-casa', lanciano una sfida a governo e ministro del Lavoro: perche', se i nuovi contratti di lavoro dovrebbero contenere principi di stabilita' di un lavoro solido, le banche non erogano il mutuo se non corredato da fidejussione (oltre ipoteca) o da una costosa polizza di migliaia di euro, (vita, infortuni, perdita del lavoro, ecc.), fino a 25/30.000 euro in alcuni casi, che taglieggia la maggior parte dei richiedenti  un prestito per acquistare una casa ?

Roma, 6.6.2015