Istat: inflazione giugno resta allo 0,1%

Prosegue aumento carrello spesa: 55 euro in piu' per una famiglia di 4 persone, 30 euro per un pensionato

Secondo i dati provvisori resi noti oggi dall'Istat, a giugno l'indice dei prezzi al consumo aumenta dello +0,1% sia rispetto al mese precedente che su base annua. Confermato, dunque, il rialzo dei prezzi di maggio.

"I prezzi salgono per l'immissione di liquidita' da parte della BCE. Ma essere favorevoli al Quantitative Easing, per gli effetti positivi che avra' sull'onere del debito pubblico e sul rilancio degli investimenti, non vuol dire essere contenti dei suoi effetti collaterali, come l'aumento artificioso dei prezzi, slegato da un effettiva ripresa dei consumi delle famiglie" ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell'Unione Nazionale Consumatori.

Confermato, purtroppo, anche l'aumento dei prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona che, come ad aprile e maggio, segnano un incremento dello 0,8% su base annua, determinando, in termini di aumento del costo della vita, per la tradizionale famiglia italiana, una coppia con due figli, un aggravio di spesa di 55 euro in piu' su base annua.

Nel dettaglio, secondo i calcoli dell'Unione Nazionale Consumatori, per una coppia con 1 figlio l'aumento dello 0,8% del carrello della spesa significa pagare, in termini di aumento del costo della vita, 54 euro in piu' su base annua (cfr tabella). Per un pensionato con piu' di 65 anni sono 30 euro in piu', mentre per un single con meno di 35 anni si tratta di 36 euro.

Tabella: spesa aggiuntiva per aumento prezzi carrello della spesa (valori in euro)

TIPOLOGIA FAMILIARE

single

< 35 anni

pensionato

> 65 anni

coppia s.f.

35-64

coppia s.f.

< 35

coppia s.f.

> 65

coppia

1 figlio

coppia

2 figli

Spesa aggiuntiva

36

30

51

52

44

54

55

Fonte: UNC su dati Istat


30 giugno 2015



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it