Istat: consumi +0,4% nel 2015

Istat: consumi +0,4% nel 2015
raggi con il figlio (foto da Twitter) 

(Unione Nazionale Consumatori) - Ma per famiglia di 4 persone sono -373 euro all'anno. Dal 2011 spesa crollata di 391 al mese, 4696 annui

Secondo i dati resi noti oggi dall'Istat, la spesa media delle famiglie nel 2015 risale a 2.499,37 euro al mese, con un aumento dello 0,4% rispetto al 2014.
"Non c'è da stare allegri. Si tratta di un aumento di spesa inferiore ad 11 euro. Inoltre non bisogna frasi trarre in inganno dalle medie del pollo. La famiglia a cui si riferisce questo dato, infatti, è una famiglia media che non esiste. Per una famiglia normale e tradizionale di 4 persone, sempre secondo i dati resi noti oggi dall'Istat, la spesa mensile scende di più di 31 euro, -0,98%, passando da 3189,75 euro del 2014 a 3158,61 del 2015. Su base annua significa 373 euro in meno. Altro che aumento!" dichiara Massimiliano Dona, segretario dell'Unione Nazionale Consumatori. 
"Se poi, senza andare troppo indietro, confrontiamo la spesa rispetto al 2011, c'è un crollo dell'11%, pari a  391 euro mensili. Su base annua si tratta di una cifra astronomica pari a 4.696 euro" conclude Dona. 
L'Unione Nazionale Consumatori ha elaborato, infatti, i dati resi noti oggi dall'Istat, confrontando la spesa di una famiglia di 4 componenti dal 2011 al 2015. 
Ebbene, la voce alimentari e bevande scende da 652 euro mensili del 2011 a 594, un calo di 58 euro (58,71), pari al 9%. Su base annua gli italiani, in appena 4 anni, "mangiano" 704 euro in meno di prodotti alimentari. Per abbigliamento e calzature la riduzione è del 18,6%, 41 euro al mese, 493 all'anno. Il record, in termini percentuali, è per la voce comunicazioni (-21,1%, -22 euro al mese), seguita dai mobili, articoli e servizi per la casa (-20,8%, una riduzione di spesa di 32 euro al mese, 388 euro all'anno).

Tabella: spesa famiglia di 4 componenti

 

2011

2014

2015

Differenza assoluta 2015/2014

(in euro)

Differenza percentuale

2015/2014

Differenza assoluta 2015/2011

(in euro)

Differenza percentuale

2015/2011

prodotti alimentari e bevande analcoliche

652,92

592,85

594,21

1,36

0,23

-58,71

-9

bevande alcoliche e tabacchi

56,27

50,97

53,34

2,37

4,65

-2,93

-5,2

abbigliamento e calzature

221,53

186,28

180,42

-5,86

-3,15

-41,11

-18,6

abitazione, acqua, elettricità, gas e altri combustibili

1070,28

987,92

968,6

-19,32

-1,96

-101,68

-9,5

mobili, articoli e servizi per la casa

155,44

119,59

123,07

3,48

2,91

-32,37

-20,8

servizi sanitari e spese per la salute

127,25

114,97

122,45

7,48

6,51

-4,80

-3,8

trasporti

453,23

397,12

402,52

5,40

1,36

-50,71

-11,2

comunicazioni

107,55

86,02

84,86

-1,16

-1,35

-22,69

-21,1

ricreazione, spettacoli e cultura

207,15

174,85

179,87

5,02

2,87

-27,28

-13,2

istruzione

29,9

40,57

38,71

-1,86

-4,58

8,81

29,5

servizi ricettivi e di ristorazione

185,36

157,02

168,44

11,42

7,27

-16,92

-9,1

altri beni e servizi

283,13

281,6

242,15

-39,45

-14,01

-40,98

-14,5

totale

3550,01

3189,75

3158,61

-31,14

-0,98

-391,40

-11

Fonte: Unione Nazionale Consumatori su dati Istat