Inaccettabile il tentativo di censura del giornalista Lillo da parte di Roberto Maroni

Garantire ai cittadini un’informazione imparziale e trasparente

(Federconsumatori e Adusbef) - E’ assolutamente vergognoso e inaccettabile il tentativo di censura messo in atto da parte di Roberto Maroni. Il governatore della Regione Lombardia ha inviato una diffida legale alla Rai e a La7 per impedire la divulgazione del libro appena pubblicato dal giornalista Marco Lillo, che contiene le telefonate relative ad un’inchiesta in corso presso la Procura di Reggio Calabria. 

    Si tratta di una condotta gravissima da parte di chi, proprio in ragione del suo incarico di grande responsabilità, dovrebbe tutelare la libertà di stampa nonché garantire l’assoluta trasparenza nei confronti dei cittadini. Non è ammissibile che un rappresentante delle istituzioni tenti di insabbiare qualsivoglia notizia: Federconsumatori e Adusbef, auspicando naturalmente che l’AGCOM prenda posizione quanto prima, chiedono quindi l’immediato intervento della Commissione di Vigilanza parlamentare, poiché la questione riguarda direttamente anche l’azienda radiotelevisiva pubblica. Chiediamo che venga immediatamente chiarito ogni aspetto della vicenda, assicurando ai cittadini un’informazione pulita, imparziale e non pilotata dai piani alti della politica.