Debito pubblico: Adusbef, con Renzi-Padoan debito cresciuto di 110.000 euro al minuto

Debito pubblico: aumentato di 123,688 mld in 26 mesi di governo Renzi al ritmo di 4,75 mldi di euro al mese, 160 milioni al giorno, 6,6 milioni l’ora, con aumento pro-capite di 2.025 euro ed un  gravame di 37.145 euro ad abitante. 

(Adusbef) - Secondo i dati Bankitalia, ad aprile 2016, dopo 26 mesi del governo Renzi insediato nel febbraio 2014, si registra una nuova impennata del debito pubblico,  arrivato a 2.230,8 mld, polverizzando così  il precedente record di 2.228 miliardi di euro del marzo 2016.
   Il debito che doveva diminuire, è così salito con Renzi-Padoan al ritmo di 4,75 miliardi di euro al mese,  un aumento pro-capite (per ognuno dei 60 milioni di abitanti) di 2.025 euro di tassa occulta che graverà all’infinito sui giovani, ed un gravame di 37.145 euro per ognuno dei residenti, 93.000 euro per ogni a famiglia. Eppure sia il premier Renzi, che il ministro dell’Economia Padoan, dalla data del loro insediamento avevano promesso di ridurre il debito, ed anche 1 mese fa, in occasione  della presentazione del Def:  “Nel 2018 questo incubo di questa montagna di debito che può attivare terribili regole di taglio della ghigliottina andrà finalmente via e credo che per la prospettiva dell’Italia questo sarà un risultato importante”, aveva detto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan a margine del Documento di economia e finanza. L'”incubo” a cui fa riferimento Padoan è la zavorra del debito pubblico, che nell’estate 2014 ha toccato il massimo storico in termini assoluti (2.167,7 miliardi di euro) e quest’anno si attesterà al 132,5% del Pil. Ma dal prossimo inizierà a scendere: “Nel 2016 al 130,9% e poi al 123,4 nel 2018″. Per quanto riguarda l’indebitamento, “nel 2015 è previsto al 2,6, nel 2016 all’1,8%, nel 2017 all0 0,8%”, fino a ridursi a zero nel 2018. “Quindi nel 2018 rispetteremo la regola del debito (cioè l’azzeramento del rapporto deficit/Pil nominale previsto dal Fiscal compact, ndr)“, aveva promesso Padoan.

    Purtroppo il debito pubblico, per politiche economiche e monetarie sbagliate improntate alla recessione ed all’austerità, tutto proteso a salvaguardare banche e banchieri, come il paventato ultimo provvedimento sui pensionandi, che dopo aver versato decenni di contributi, possono essere gettati nelle fauci delle banche e costretti ad indebitarsi con gli Istituti di credito per avere la meritata pensione, è cresciuto nei 26 mesi del governo Renzi, di 123, 688 miliardi di euro, il che equivale a quasi 5 miliardi di euro al mese, circa 160 milioni di euro al giorno, 6,6 milioni all’ora, 110mila euro al minuto, 1.833 euro ogni secondo. Nonostante le promesse da marinaio il debito non potrà diminuire neppure nel 2016 – hanno affermato Elio Lannutti e Rosario Trefiletti, presidenti di Adusbef e Federconsumatori-, a meno che il Governo non riprenda la propria sovranità monetaria, nazionalizzando Bankitalia (come in tutti i paesi europei e del mondo con le banche centrali pubbliche) incassando 380 milioni di euro di cedole che la Banca d’Italia versa ogni anno alle banche private ed altri azionisti, ed alienando le quote di oro e riserve, pari a 100 miliardi di euro, da tempo proposto da Adusbef e Federconsumatori, che non è di proprietà di cleptocrati, tecnocrati  ed oligarchi di Palazzo Koch o della Bce di Francoforte, ma del popolo italiano.

 

 

DEBITO PUBBLICO

In miliardi di €

 AUMENTO del DEBITO      in miliardi imputabile al     governo pro tempore

     (in parentesi aumento   medio mensile)

Debito pro capite a fine periodo ineuro

Aumento debito procapite imputabile  al governo Renzi in €

 

 

 

 

GOVERNO RENZI (da fine febbraio 2014) (23 mesi)

 

 

 

 

 

 

 

Debito febbraio 2014

           2.107,157

 

 

 

 

 

Debito aprile 2016

  2.230,845

    + 123,688 mld  (4,75                            mld/mese)

37.145

2.025