Commercio: Senaldi, no a chiusure domenicali negozi, si' festivi

CODACONS: NEGOZI DEVONO ESSERE SEMPRE APERTI, CI OPPORREMO A QUALSIASI LIMITAZIONE

E SI INTRODUCA LA LIBERALIZZAZIONE DEI SALDI

Il Codacons si esprime a favore della totale liberalizzazione dei giorni e degli orari di apertura dei negozi, e si opporra' nelle sedi competenti a qualsiasi limitazione in tal senso.

Lo comunica la piu' importante associazione dei consumatori, intervenendo in merito alle dichiarazioni Angelo Senaldi (Pd) sulle modifiche al provvedimento sugli orari dei negozi.

"Pensare di imporre limitazioni ai negozi in un periodo di fortissima crisi del commercio e' una follia - afferma il Presidente Carlo Rienzi - Al contrario il settore deve essere totalmente liberalizzato, lasciando agli esercenti la facolta' di scegliere le aperture 24 ore su 24, 365 giorni su 365, nel rispetto ovviamente dei diritti dei lavoratori. Solo cosi' sara' possibile incrementare le occasioni di acquisto per i consumatori e limitare gli effetti disastrosi della crisi dei consumi registrata in Italia".

Ma il Codacons va oltre e lancia la sfida sui saldi di fine stagione. "Chiediamo al Governo Renzi di introdurre anche la liberalizzazione dei saldi, al pari di quanto avviene all'estero, permettendo ai commercianti di scegliere quando applicare gli sconti sulla merce in vendita - prosegue Carlo Rienzi - Abbiamo avuto prova dagli stessi commercianti che i saldi, cosi' come sono regolamentati, rappresentano un totale fallimento. Occorre un cambiamento radicale per dare nuovo impulso al commercio e spingere le famiglie all'acquisto".

17 settembre 2014