Caos ticket: disattesi impegni e  propositi del patto per la salute

ONERI DIVENUTI  INSOPPORTABILI PER I CITTADINI. GARANTIRE ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SANITARIE E CONDIZIONI DI EQUITA'

Che fine ha fatto l'impegno della Ministra di intervenire in una materia "complessa" per  semplificare e ristabilire condizioni di equita'?   

Nulla si conosce sulle intenzioni e possibilita' concrete di superare l'attuale situazione di caos che riguarda i costi diversi dei ticket per esami e visite specialistiche, per l'accesso al  pronto soccorso. Nulla per quanto riguarda il costo dei farmaci e le esenzioni.

Regole e costi sono estremamente diversi da regione a regione: il diritto ad accedere alle cure non e' garantito ovunque.

Accade cosi' che i cittadini sono costretti a pagare di tasca propria ticket e super ticket e un numero sempre maggiore di essi e' costretto a rinunciare alle cure, perche' non e' piu' in grado di sostenere i costi.

Altri, invece, optano per la sanita' privata a fronte dei costi crescenti della sanita' pubblica, che in alcune realta', per alcune prestazioni, risulta addirittura piu' onerosa.

Una situazione inaccettabile aggravata ulteriormente dall'esistenza di abusi per quanto riguarda la nota materia delle esenzioni.

Chiediamo al Governo ed alle Regioni un impegno concreto per eliminare disparita' e garantire a tutti uguali diritti e accesso alle cure.

8 giugno 2015