Bad Bank: Visco, la cui mancata vigilanza di Bankitalia sulle banche ha prodotto dissesti e costi elevati per utenti, chiede che lo stato Paghi i lauti pasti dei banchieri

ADUSBEF E FEDERCONSUMATORI CHIEDONO CHE BANKITALIA E BCE,FUNGANO DA GARANTI AI CREDITI TOSSICI DELLE BANCHE VIGILATE.

    Adusbef e Federconsumatori esprimono la propria indignata contrarieta' rispetto alle solite proposte del Governatore di Bankitalia Visco, che ancora una volta cerca di addossare alla fiscalita' generale e sulla pelle di vessati contribuenti, e strangolati utenti dei servizi bancari, i costi di politiche creditizie clientelari, che hanno prodotto 185,5 miliardi di euro di crediti in sofferenza.

   La Banca d'Italia, che asseconda supinamente gli altrui desiderata, contribuendo in tal modo alle politiche di stagnazione, dovrebbe spiegare la contrazione dei prestiti bancari al settore privato, scesi dell'1,8% annuo, rispetto al -1,6% di dicembre, dal -2,3 al -2,8% per le imprese, con un aumento delle consistenze dei titoli di Stato italiani acquistate dalle banche, aumentate a 416,5 miliardi dai circa 400 miliardi di fine dicembre, con la Bce, che ha regalato 129,8 miliardi di euro,  a tassi super-agevolati dello 0,15%, (finanziamenti Tltro) avviati nel  settembre 2014  finalizzati, a rilanciare il credito all'economia reale, e che ha solo ingrassato i bilanci delle banche.

   Adusbef e Federconsumatori, preoccupate per l'azione di un governo sempre pronto e disponibile ad assecondare tutte le richieste di banche, banchieri e Bankitalia, chiedono di chiarire bene a consumatori e famiglie, strozzate dalla crisi, il vero significato delle richieste irricevibili del governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco, le cui proposte scandalose per  liberare  risorse da utilizzare per il finanziamento dell'economia, analoghe ai prestiti Bce, finiranno per rifilare un ulteriore pacco agli italiani, con la creazione di una bad bank nazionale, cioe' un veicolo in cui far confluire tutti i crediti bancari di difficile riscossione.

  Le garanzie per lo smantellamento dei 'rifiuti tossici bancari', non possono essere addossate allo Stato, quindi ancora una volta a correntisti e contribuenti che grazie alla Banca d'Italia, sono costretti a pagare per anni e da decenni, con la finalita' di garantire traballanti stabilita' del sistema bancario, tassi piu' alti d'Europa sui mutui, e costi dei conti correnti piu' elevati, pari ad una media di 318 euro in Italia contro 114 euro della media europea.

  Non si capisce perche' deve sempre essere lo Stato a finanziare  i restyling di bilancio, con una pubblica 'lavanderia' denominata bad bank garantita dalla fiscalita' generale, chiamata a smaltire i crediti deteriorati delle banche italiane che zavorrano i bilanci, con l'illusoria promessa che   quel fardello dei crediti in sofferenza, una volta liberati potrebbero offrire nuova concessione di credito a famiglie ed imprese.

   Invece di assecondare tali desiderata, addossando alla collettivita' i lauti pasti dei banchieri, tramite la Cassa Depositi e Prestiti, con un fardello di 185 miliardi di sofferenze,  il Governo  chieda a Bankitalia e Bce, di  fare il proprio mestiere garantendo loro i crediti tossici, molti dei quali frutto di fidi allegri ad amici e compari, senza le necessarie valutazioni di meritorieta' degli affidamenti.

Roma, 23 marzo 2015