8 marzo: violenza contro le donne. il consiglio per le pari opportunita' preannuncia nuovo piano nazionale antiviolenza 2015

FARE TESORO DELL'ESPERIENZA DELLO SPORTELLO DONNA DEL SAN CAMILLO DI ROMA. ISTITUZIONI SIANO RESPONSABILI DELLA PREVENZIONE E DELLA PROTEZIONE.

Federconsumatori sostiene che massima deve essere l'attenzione verso i diritti, le tutele, il lavoro e la salute delle donne. In particolare  giudica di grande rilievo l'esperienza che le donne romane hanno realizzato negli ultimi due anni, grazie allo Sportello Donna del San Camillo e ritiene particolarmente utili e necessarie le indicazioni espresse da tale servizio:

-          attivare i numerosi soggetti istituzionali che hanno la responsabilita' politica della violenza di genere  e la responsabilita' della sanita' pubblica,

-          creare su tutto il  territorio un sistema di protezione,  a partire dalla presa in carico della donna maltrattata, fino al coordinamento dei servizi esistenti sul territorio, garantendo sia un servizio di ascolto che un servizio di accoglienza h 24,

-          ragionare e confrontarsi sul ruolo dei Pronto Soccorso e sui  possibili modelli di accoglienza per l'assistenza a 360° delle vittime: sanitaria, psicologica e legale, che preveda reti di protezione e percorsi di autonomia,

-          garantire stanziamenti di risorse e fondi ad hoc.

In tal senso ci auguriamo che quanto gia' annunciato dal Consiglio per le Pari Opportunita' in relazione al Piano Nazionale Antiviolenza 2015 estenda a tutto il territorio nazionale tale esperienza, confermando l'impegno a stanziare adeguate risorse.

5 marzo 2015