Anas: Marche, riaperto tratto statale 4 "Via Salaria"

(AGI) - Ancona, 9 lug. - Anas comunica che alle 13 circa e' stata riaperta al tr...

(AGI) - Ancona, 9 lug. - Anas comunica che alle 13 circa e' stata riaperta al traffico - in entrambi i sensi di marcia - la strada statale 4 "Via Salaria", in corrispondenza del km 156,200 nella frazione di Quintodecimo, nel territorio comunale di Acquasanta Terme (AP), interrotta dalla prima mattinata di ieri a causa del ribaltamento di un'autocisterna che trasportava olio industriale, riversatosi sul piano viabile. Sul posto, ieri, e' intervenuto nell'immediato personale Anas sia tecnico che operativo, dei Vigili del Fuoco, dell'Arpam - al fine di scongiurare eventuali pericoli di inquinamento del limitrofo fiume Tronto - e della Polizia Stradale. Dalle verifiche in loco si e' constatato che liquido aveva irrimediabilmente danneggiato il piano viabile, corrodendolo. I lavori necessari per il ripristino delle condizioni di sicurezza - affidati ad un'impresa specializzata - sono quindi consistiti nella asportazione del piano viabile deteriorato e nel rifacimento di nuova pavimentazione, con la stesa di conglomerato bituminoso per un'estensione di oltre 300 metri sulla intera larghezza della carreggiata. Le attivita' sono proseguiti per tutte le ore lavorative utili, al fine di limitare al minimo i tempi di chiusura al traffico. Il materiale asportato, risultato ormai inquinato, verra' smaltito secondo le modalita' previste dalle normative vigenti, in funzione dell'esito delle analisi sulla natura del liquido. Durante la chiusura il traffico - in entrambe le direzioni di marcia - era stato deviato lungo viabilita' alternative. Anas raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l'evoluzione della situazione del traffico in tempo reale e' consultabile sul sito web www.stradeanas.it oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all'applicazione `VAI Anas Plus`, disponibile gratuitamente in `App store` e in `Play store`. Inoltre si ricorda che il servizio clienti `Pronto Anas` e' raggiungibile chiamando il nuovo numero verde gratuito 800 841 148. (AGI)
Sep