Africa: Ernst&Young, Italia primo investitore nel 2015

(AGI/INFOAFRICA) - Roma, 26 lug. - Il numero degli investimenti diretti esteri (...

Africa: Ernst&Young, Italia primo investitore nel 2015
 Ghana, agricolutura, donna africana, africa, economia

(AGI/INFOAFRICA) - Roma, 26 lug. - Il numero degli investimenti diretti esteri (IDE/FDI) dall'Italia verso i Paesi dell'Africa e' raddoppiato nel 2015 rispetto all'anno precedente, passando a un totale di 16 nuovi progetti per un valore complessivo di 7,4 miliardi di dollari e consentendo in questo modo al nostro Paese di affermarsi quale primo Paese al mondo per volume degli investimenti diretti esteri in Africa. E' una delle conclusioni piu' interessanti che emergono nell'ultimo rapporto della societa' internazionale di servizi di revisione e organizzazione contabile Ernst&Young sull'attrattivita' delle economie africane, intitolato "Mantenere la rotta".
Il netto aumento del volume degli IDE italiani e' in larga parte legato al progetto del gruppo Eni per lo sviluppo del gas naturale nel giacimento di Zohr in Egitto, il cui valore e' pari a sei miliardi di dollari. Secondo i dati resi noti da EY, in questo modo l'Italia rientra per la prima volta dopo anni nell'elenco dei 15 principali Paesi origine degli IDE verso il continente africano, occupando l'undicesimo posto di questa speciale classifica per numero di progetti e rappresentando il 10,4% del totale del volume degli investimenti esteri diretti verso l'Africa. Destinazione preferita dei progetti d'investimento italiani e' stata nel 2015 soprattutto il Sudafrica, in particolare nei settori delle energie rinnovabili e dei prodotti di consumo e vendita al dettaglio. Seguono quali principali destinazioni dei progetti italiani il Marocco e l'Egitto.
In tutto, secondo EY, grazie ai 16 progetti italiani di IDE sviluppati nel 2015 sarebbero stati piu' di 3800 i nuovi posti di lavoro creati nel continente. (AGI)
.