Tragedia Stava: 29 anni fa 268 morti, il ricordo del Trentino

(AGI) - Trento, 19 lug. - "Ventinove anni fa, come oggi,un'ondata di fango spezzo' le vite di 268 persone, devasto'un'intera vallata e investi' drammaticamente la storia delTrentino. Fu un evento gravissimo, secondo in Italia solo aldisastro del Vajont. Era estate ed erano le 12 e 22 minuti.Un'enorme massa di materiale - staccatasi dai due bacini didecantazione dei rifiuti semi-fluidi della miniera di fluoritedi Prestave'l, sopra la Val di Fiemme - si abbatte'sull'abitato di Stava, travolgendo in pochi istanti ogni cosaed inghiottendo tutto, senza scampo: uomini, donne, bambini. Econ essi 53

(AGI) - Trento, 19 lug. - "Ventinove anni fa, come oggi,un'ondata di fango spezzo' le vite di 268 persone, devasto'un'intera vallata e investi' drammaticamente la storia delTrentino. Fu un evento gravissimo, secondo in Italia solo aldisastro del Vajont. Era estate ed erano le 12 e 22 minuti.Un'enorme massa di materiale - staccatasi dai due bacini didecantazione dei rifiuti semi-fluidi della miniera di fluoritedi Prestave'l, sopra la Val di Fiemme - si abbatte'sull'abitato di Stava, travolgendo in pochi istanti ogni cosaed inghiottendo tutto, senza scampo: uomini, donne, bambini. Econ essi 53 case, 3 alberghi, 6 capannoni, 8 ponti, centinaiadi alberi. Chi accorse sul luogo della disgrazia ha conservatoun incubo terribile e indelebile: la ricerca di segni di vita,il senso d'impotenza e di disperazione, la sensazionedell'immensa ineluttabilita' di quanto accaduto. Per ilpresidente del Consiglio della Provincia autonoma di Trento"Fare memoria ogni dodici mesi - puntualmente, instancabilmente- non significa solo onorare le vittime innocenti e i lorocari, a cui oggi rinnoviamo ancora una volta i sentimenti dicordoglio e di umana partecipazione significa tenere acceso ilfaro della consapevolezza sul fatto che il territorio va bengovernato, che gli eventi calamitosi si devono prevenire, chela natura e le regole vanno rispettate con assoluto rigore.(AGI)Tn1/Mld