Grande Guerra: Trentino, riapre l'ultima fortezza imperiale

(AGI) Trento, 2 lug - A 100 anni dall'inizio della GrandeGuerra, l'ultima delle fortezze imperiali ritorna al pubblicoal termine di un lungo e accurato recupero che ne ha riportatoalla luce la particolarissima identita' di manufattointeramente scavato nella roccia. Vicino a Rovereto, sul montePasubio, il 5 luglio una giornata di eventi, visite guidate,allestimenti ed incontri, con ingresso gratuito. Il Forterimarra' aperto e visitabile ai visitatori italiani estranieri; le sue sale e gallerie potranno essere scopertegrazie a percorsi guidati, arricchiti dalla presenza diperformer che approfondiranno temi e figure della GrandeGuerra. Forte

(AGI) Trento, 2 lug - A 100 anni dall'inizio della GrandeGuerra, l'ultima delle fortezze imperiali ritorna al pubblicoal termine di un lungo e accurato recupero che ne ha riportatoalla luce la particolarissima identita' di manufattointeramente scavato nella roccia. Vicino a Rovereto, sul montePasubio, il 5 luglio una giornata di eventi, visite guidate,allestimenti ed incontri, con ingresso gratuito. Il Forterimarra' aperto e visitabile ai visitatori italiani estranieri; le sue sale e gallerie potranno essere scopertegrazie a percorsi guidati, arricchiti dalla presenza diperformer che approfondiranno temi e figure della GrandeGuerra. Forte Pozzacchio e' l'ultimo manufatto bellico dellefortezze austro-ungariche realizzate tra Ottocento e inizioNovecento sul confine del Trentino con il Regno d'Italia.Interamente scavato nella roccia, rappresentava la piu' modernamacchina da guerra della monarchia danubiana. I lavori di costruzione del forte iniziarono nel 1913 eproseguirono fino alla scoppio della guerra con l'Italia, mal'opera non fu mai completata. Abbandonato dall'esercitoaustro-ungarico, il 3 giugno 1915 venne occupato dai soldatiitaliani. Con l'offensiva del maggio 1916 il forte ritorno' inmano austriaca e vi rimase fino alla conclusione del conflitto.Gia' fortemente danneggiato dai bombardamenti, nel dopoguerravenne completamente spogliato delle parti metalliche. Il fortedi Pozzacchio rappresenta lo stadio piu' evoluto raggiuntodall'ingegneria militare austro-ungarica. Il tenente StephanPilz progetto' un'opera quasi interamente in caverna; erano incalcestruzzo solo la batteria per obici in cupola corazzata ela caponiera. (AGI)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it