Ue: Marini, diritto e cultura giuridica centrali in identita'

(AGI) - Perugia, 28 nov. - "Il diritto e la cultura giuridicarappresentano un aspetto centrale dell'identita' europea". Loha detto la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini,intervenendo alla Giornata di studio in onore di MargheritaRaveraira sul tema 'Unita' della scienza giuridica. Problemi eprospettive'. Marini ha reso omaggio alla studiosa. "L'eleganzadella persona - ha detto - l'abbiamo sempre ritrovata nelrigore del suo insegnamento, nella competenza scientifica dellastudiosa, nella severa autorevolezza della docente". Lapresidente umbra ha quindi evidenziato "la sua disponibilita' amettere a disposizione le sue conoscenze e competenzegiuridiche dei soggetti istituzionali

(AGI) - Perugia, 28 nov. - "Il diritto e la cultura giuridicarappresentano un aspetto centrale dell'identita' europea". Loha detto la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini,intervenendo alla Giornata di studio in onore di MargheritaRaveraira sul tema 'Unita' della scienza giuridica. Problemi eprospettive'. Marini ha reso omaggio alla studiosa. "L'eleganzadella persona - ha detto - l'abbiamo sempre ritrovata nelrigore del suo insegnamento, nella competenza scientifica dellastudiosa, nella severa autorevolezza della docente". Lapresidente umbra ha quindi evidenziato "la sua disponibilita' amettere a disposizione le sue conoscenze e competenzegiuridiche dei soggetti istituzionali e politici chiamati anormare ed agire nei diversi contesti sottoposti a cambiamentie modificazioni sociali, politiche ed istituzionali". Con laRegione Umbria, tra l'altro, Raveraira ha collaborato nellafase di studio e definizione del nuovo Statuto regionale. "Lafase che viviamo - ha affermato Marini - e' ricca di profondicambiamenti, di riforme istituzionali e costituzionali, di unnuovo rapporto tra poteri statuali e autonomie locali, di nuovesfide per Comuni e Regioni, con Istituzioni che devono conrapidita' raccogliere le sfide poste dalla crisi economica,dalla dimensione globale dell'economia, dalle istituzionisovranazionali, a cominciare dall'Unione europea". (AGI)Pg1/Sep