Terrorismo: Meloni, se non si affronta vicenda libica a rischio

(AGI) - Perugia, 24 mar. - "Noi possiamo fare tutte le leggiche vogliamo sul terrorismo ma se non affrontiamo la vicendalibica saremo sempre esposti a un rischio altissimo". Lo hadetto la presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni,parlando con i giornalisti, oggi a Perugia, a margine di unincontro organizzato dal suo partito a sostegno dellacandidatura di Claudio Ricci alla presidenza della RegioneUmbria per il centrodestra. "Vediamo cosa dice la legge - hadetto la Meloni - perche' il problema dei provvedimenti diRenzi e' che c'e' una certa discrasia tra le sue slide e

(AGI) - Perugia, 24 mar. - "Noi possiamo fare tutte le leggiche vogliamo sul terrorismo ma se non affrontiamo la vicendalibica saremo sempre esposti a un rischio altissimo". Lo hadetto la presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni,parlando con i giornalisti, oggi a Perugia, a margine di unincontro organizzato dal suo partito a sostegno dellacandidatura di Claudio Ricci alla presidenza della RegioneUmbria per il centrodestra. "Vediamo cosa dice la legge - hadetto la Meloni - perche' il problema dei provvedimenti diRenzi e' che c'e' una certa discrasia tra le sue slide e le sueleggi. Ormai guardo i testi prima di giudicare visto che iproclami di Renzi sono sempre molto distanti da quello che poiporta a casa". "Noi pensiamo come Fratelli d'Italia - haproseguito - che in Libia si debba intervenire a fianco delgoverno legittimo di Tobruk e che si debba contribuire ariprendere il controllo dei porti e delle coste. Fino a quandoquesto non accade non sfugge che l'Isis sta facendo unaselezione di ingresso a casa nostra, giacche' i servizi segretidi mezzo mondo dicono che l'Isis utilizza i barconi deidisperati per generare caos e infiltrare cellule terroristiche.'Alfano nel paese delle meraviglie' non se ne rende conto matutto il resto del mondo si".(AGI) Pg2/Bru