Sanita': a Perugia nuovo Centro ricerca emato-oncologico 

(AGI) - Perugia, 2 mar. - E' in programma domani lapresentazione del nuovo Centro ricerca emato-oncologicodell'Azienda ospedaliera di Perugia. Alla cerimoniapartecipera' il sottosegretario alla Presidenza del ConsiglioGraziano Delrio. Ad illustrare le caratteristiche della nuovastruttura  il direttore dell'Azienda Ospedaliera WalterOrlandi. Tra gli ospiti la presidente della Regione Umbria,Catiuscia Marini, il sindaco di Perugia Andrea Romizi,l'arcivescovo  della Diocesi di Perugia-Citta' della Pieve,Cardinale Gualtiero Bassetti e il rettore dell'Universita'Franco Moriconi. La relazione di carattere scientifico sara'proposta dal prof. Brunangelo Falini, ricercatore di famainternazionale, i cui laboratori sono stati appena trasferiti nel

(AGI) - Perugia, 2 mar. - E' in programma domani lapresentazione del nuovo Centro ricerca emato-oncologicodell'Azienda ospedaliera di Perugia. Alla cerimoniapartecipera' il sottosegretario alla Presidenza del ConsiglioGraziano Delrio. Ad illustrare le caratteristiche della nuovastruttura  il direttore dell'Azienda Ospedaliera WalterOrlandi. Tra gli ospiti la presidente della Regione Umbria,Catiuscia Marini, il sindaco di Perugia Andrea Romizi,l'arcivescovo  della Diocesi di Perugia-Citta' della Pieve,Cardinale Gualtiero Bassetti e il rettore dell'Universita'Franco Moriconi. La relazione di carattere scientifico sara'proposta dal prof. Brunangelo Falini, ricercatore di famainternazionale, i cui laboratori sono stati appena trasferiti nel nuovo centro. L'intera cerimonia sara' trasmessa instreaming e visibile attraverso il collegamento al sitoaziendale(www.ospedale.perugia.it)."Con il Creo - dice ildirettore Walter Orlandi- l'Azienda Ospedaliera di Perugia, sidota di altri laboratori di alta tecnologia, che occupano circa6 mila metri quadri, per la ricerca e l'assistenza nel campodell'ematologia con trapianto, oncologia, genetica  e medicinamolecolare. Con l'attivazione del C.R.EO, si completa unpercorso di interventi organizzativi e strutturali checollocano il S.Maria della Misericordia tra i principaliospedali dei eccellenza in Italia e all'estero".(AGI)Pg2/Sep