Regioni: Umbria, aumenta periodo per svolgere referendum

(AGI) - Perugia, 2 dic. - L'Assemblea legislativa dell'Umbriaha approvato all'unanimita' la modifica alla legge regionale'14/2010' (Disciplina degli istituti di partecipazione allefunzioni delle istituzioni regionali - Iniziativa legislativa ereferendaria, diritto di petizione e consultazione) che aumentai periodi nei quali e' possibile svolgere i referendum. Graziea questa modifica sara' quindi possibile svolgere referendum inogni periodo dell'anno esclusi quelli in cui sono indetteelezioni regionali o amministrative (comunali) che interessinooltre il 50 per cento dei comuni umbri. Il relatore unico,nonche' promotore della proposta di legge, Oliviero Dottorini(Idv) ha sottolineato come oggi "ripariamo

(AGI) - Perugia, 2 dic. - L'Assemblea legislativa dell'Umbriaha approvato all'unanimita' la modifica alla legge regionale'14/2010' (Disciplina degli istituti di partecipazione allefunzioni delle istituzioni regionali - Iniziativa legislativa ereferendaria, diritto di petizione e consultazione) che aumentai periodi nei quali e' possibile svolgere i referendum. Graziea questa modifica sara' quindi possibile svolgere referendum inogni periodo dell'anno esclusi quelli in cui sono indetteelezioni regionali o amministrative (comunali) che interessinooltre il 50 per cento dei comuni umbri. Il relatore unico,nonche' promotore della proposta di legge, Oliviero Dottorini(Idv) ha sottolineato come oggi "ripariamo a una storturanormativa e rendiamo possibile la reale e non fittiziapartecipazione dei cittadini alla vita politica della nostraregione". "La legge '14/2010' di fatto - spiega il relatore -impediva l'applicazione dell'istituto partecipativoreferendario sancito dagli articoli 22, 23 e 24 dello Statutodella Regione Umbria, visto che era incompatibile celebrare unreferendum in concomitanza di altre consultazioni elettoralipolitiche, nazionali o amministrative. E visto che ogni anno vie' almeno un Comune chiamato al voto, questo rende evidente chemai sarebbe possibile celebrare un referendum. Addirittura ilparere della Commissione Garanzia statutaria sulla '4/2010', danoi richiesto, afferma che, per come e' redatta, dalla legge sipotrebbe addirittura dedurre che il referendum in Umbria non e'espletabile neppure in concomitanza con il turno elettorale inuno qualsiasi dei 5mila comuni d'Italia. Quindi in Umbria, difatto, il referendum era un diritto sancito sulla carta, negatonei fatti. Ora sara' possibile svolgere i referendum almeno intre dei cinque anni della legislatura regionale".(AGI)Pg2/Sep