Regioni: Ricci (cdx), no cancellazione dell'Umbria

(AGI) - Perugia, 12 ott. - "Un deciso no alla cancellazionedell'Umbria, che vorrebbe diluire la Regione nell'areaAppenninica operando un'annessione alla Toscana". Lo affermaClaudio Ricci (portavoce centrodestra e liste civiche alconsiglio regionale dell'Umbria), sull'ipotesi di riforma delleregioni che circola in questi giorni nella discussione sulleriforme costituzionali. "Dopo il risultato molto discutibiledelle Province - spiega Ricci - che non sono state eliminate,aumentando i costi, diminuendo i servizi e mettendo indifficolta' i dipendenti pubblici, ora si vorrebbe cancellarela Regione Umbria, con una leggerezza preoccupante degna di una'dolce monarchia' che non rispetta ne

(AGI) - Perugia, 12 ott. - "Un deciso no alla cancellazionedell'Umbria, che vorrebbe diluire la Regione nell'areaAppenninica operando un'annessione alla Toscana". Lo affermaClaudio Ricci (portavoce centrodestra e liste civiche alconsiglio regionale dell'Umbria), sull'ipotesi di riforma delleregioni che circola in questi giorni nella discussione sulleriforme costituzionali. "Dopo il risultato molto discutibiledelle Province - spiega Ricci - che non sono state eliminate,aumentando i costi, diminuendo i servizi e mettendo indifficolta' i dipendenti pubblici, ora si vorrebbe cancellarela Regione Umbria, con una leggerezza preoccupante degna di una'dolce monarchia' che non rispetta ne la storia, ne l'identita'e ne i cittadini". Ricci spiega che i rappresentanti elettidella sua coalizione "stanno riflettendo su una mozione cheinvita le Assemblee legislative regionali a opporsi a questometodo che elimina ogni forma di democrazia e seria riflessionesulle macro Regioni, invitando anche i parlamentari umbri adopporsi fermamente alla cancellazione dell'Umbria". (AGI)Pg1/Sep