Regionali: Corecom Umbria, equilibrio comunicazione campagna

(AGI) - Perugia, 12 giu. - "Durante la campagna elettorale perle regionali del 31 maggio 2015 si e' registrato un grandeequilibrio nell'ambito della comunicazione: nessuna violazionee' stata segnalata al Corecom". Lo ha sottolineato lapresidente del Comitato regionale per le comunicazionidell'Umbria, Maria Gabriella Mecucci, illustrando i primicontenuti di un monitoraggio piu' completo sulla campagnaelettorale per le elezioni regionali del 2015. "Una attivita' -ha spiegato la consigliera Corecom Maria Mazzoli - mirata averificare come e' stata veicolata l'offerta elettorale daicandidati, quali sono stati i temi scelti e quale spazio idiversi media

(AGI) - Perugia, 12 giu. - "Durante la campagna elettorale perle regionali del 31 maggio 2015 si e' registrato un grandeequilibrio nell'ambito della comunicazione: nessuna violazionee' stata segnalata al Corecom". Lo ha sottolineato lapresidente del Comitato regionale per le comunicazionidell'Umbria, Maria Gabriella Mecucci, illustrando i primicontenuti di un monitoraggio piu' completo sulla campagnaelettorale per le elezioni regionali del 2015. "Una attivita' -ha spiegato la consigliera Corecom Maria Mazzoli - mirata averificare come e' stata veicolata l'offerta elettorale daicandidati, quali sono stati i temi scelti e quale spazio idiversi media regionali hanno riservato a liste e coalizioni".Per quanto riguarda il Tgr Rai e' stato registrato un"sostanziale equilibrio tra il tempo dedicato al candidato delcentrosinistra e quello del centrodestra" e un "equilibrioanche tra tutti gli altri candidati tra di loro". Per quantoriguarda le liste in competizione, si registra una lievepredominanza del Partito Democratico, seguito dal Movimento 5Stelle. Seguono Forza Italia, Per l'Umbria Popolare con Ricci eLega Nord. Per quanto riguarda le Tv private, invece, "solo indue delle tre emittenti analizzate e' stato presente un ciclodi trasmissioni che ha visto ospiti i candidati presidente.Unica assente la candidata Catiuscia Marini". Tra i temi piu'trattati la ripresa economica e il lavoro in primis, seguiti daquestioni sociali (lotta alla poverta', sostegno alle famiglie,reddito di cittadinanza). Il candidato del centrosinistra si e'piu' concentrato sui temi dell'economia e del lavoro. Ilcandidato del centrodestra invece sulla razionalizzazione dellamacchina pubblica, sul rilancio dell'economia e sulleinfrastrutture. Il Movimento Cinque Stelle ha cavalcato laquestione dell'etica in politica e, in minor misura, leproblematiche ambientali. Sicurezza e immigrazione sono statecompleto appannaggio dei due candidati presidente delle forzedi destra, 'Sovranita' Prima gli italiani' e 'Forza Nuova' (edella Lega, facente parte della coalizione a sostegno diClaudio Ricci). Per quanto riguarda i giornali gli articolipresi in considerazione sono stati circa 1500. I temimaggiormente toccati in campagna elettorale dai candidatipresidente e dalle liste sono stati: lavoro, sanita', economia,questioni sociali e sicurezza. Molte notizie hanno riguardatola partecipazione di leader nazionali alla campagna. Conriferimento ai candidati presidente piu' votati e alle listeloro collegate, la presenza sui quotidiani ha visto laprevalenza della coalizione Marini, protagonista nel doppiodelle notizie nelle quali e' comparsa la coalizione Ricci epiu' del triplo di quelle in cui e' comparso il M5S.(AGI)Pg2/Sep