Province: Ricci (Umbria), Governo deve rimediare a grave errore

(AGI) - Perugia, 29 set. - "Chiediamo di conoscere entro unmese la reale situazione e quanti dipendenti delle Provincesaranno 'assorbiti' dai Comuni e dalla stessa Regione Umbria.Inoltre, attraverso la conferenza Stato-Regioni, sollecitiamola presa d'atto dell'impossibilita', per molte Provinceitaliane, di approvare un bilancio in pareggio, segno evidentedel fallimento della riforma che, peraltro, ha fatto peggiorarei servizi ai cittadini (tante buche sulle strade provinciali edifficolta' nei servizi scolastici). Il Governo deve subitorimediare a tale grave errore istituzionale". Cosi' ilportavoce del centrodestra e liste civiche del Consiglioregionale dell'Umbria, Claudio Ricci, comunica che,

(AGI) - Perugia, 29 set. - "Chiediamo di conoscere entro unmese la reale situazione e quanti dipendenti delle Provincesaranno 'assorbiti' dai Comuni e dalla stessa Regione Umbria.Inoltre, attraverso la conferenza Stato-Regioni, sollecitiamola presa d'atto dell'impossibilita', per molte Provinceitaliane, di approvare un bilancio in pareggio, segno evidentedel fallimento della riforma che, peraltro, ha fatto peggiorarei servizi ai cittadini (tante buche sulle strade provinciali edifficolta' nei servizi scolastici). Il Governo deve subitorimediare a tale grave errore istituzionale". Cosi' ilportavoce del centrodestra e liste civiche del Consiglioregionale dell'Umbria, Claudio Ricci, comunica che, unitamenteai consiglieri regionali Valerio Mancini ed Emanuele Fiorini(Lega nord), Raffaele Nevi (Forza Italia), Marco Squarta(Fratelli d'Italia) e Sergio De Vincenzi (Ricci presidente) hadepositato una mozione, che si augura venga votata "in tempirapidi anche per mettere in luce le gravi incertezze delleProvince umbre e italiane anche in relazione ai dipendenti diquesti enti". Per Ricci "e' urgente che il Governo, se vuolemantenere le Province, gli attribuisca un ruolo amministrativoe adeguati strumenti, anche trasformandole in enti diaggregazione dei Comuni, per i servizi associati, andando asemplificare e razionalizzare gli attuali, gracili e variegatiorganismi sovra comunali".(AGI)Pg2/Mav