Musica: omaggio all'Austria a 48esimo Festival Nazioni

(AGI) - Perugia, 5 giu. - La musica austriaca da Mozart agliStrauss; il fervore culturale che accompagno' la disgregazionepolitica dell'Impero austro-ungarico; il primo conflittomondiale, a cento anni dall'entrata in guerra dell'Italia,nella dimensione europea ma anche in quella vicina dell'Umbria,una delle Regioni piu' ricche d'Italia per storia e cultura.Sono solo alcune delle molteplici prospettive culturali cheanimeranno la 48ma edizione del Festival delle Nazioni neiquindici concerti ed eventi del cartellone principale inprogramma dal 25 agosto al 5 settembre a Citta' di Castello enell'Alta Valle del Tevere. Sotto il segno dell'Austria, lanazione

(AGI) - Perugia, 5 giu. - La musica austriaca da Mozart agliStrauss; il fervore culturale che accompagno' la disgregazionepolitica dell'Impero austro-ungarico; il primo conflittomondiale, a cento anni dall'entrata in guerra dell'Italia,nella dimensione europea ma anche in quella vicina dell'Umbria,una delle Regioni piu' ricche d'Italia per storia e cultura.Sono solo alcune delle molteplici prospettive culturali cheanimeranno la 48ma edizione del Festival delle Nazioni neiquindici concerti ed eventi del cartellone principale inprogramma dal 25 agosto al 5 settembre a Citta' di Castello enell'Alta Valle del Tevere. Sotto il segno dell'Austria, lanazione ospite del 2015, il Festival conferma l'attenzione peril repertorio ma anche per la piu' stringente contemporaneita'con nuove produzioni, prime esecuzioni assolute e con lapresenza di giovani talenti accanto agli artisti di prestigiointernazionale. "Il nostro scopo e' proporre buona musica, macerchiamo anche di collegare la proposta artistica a un motivodi attualita', per renderla piu' viva - dichiara il presidenteGiuliano Giubilei -. Per questo, ad esempio, in occasione dei150 anni dell'Unita' abbiamo dedicato un'edizione specialeall'Italia e nel 2013 abbiamo intestato il Festival non a unsolo paese, ma a tutta l'Europa. Per l'edizione 2015 la sceltae' caduta sull'Austria: un Paese ricco di storia e con unpatrimonio musicale straordinario". Evento centrale dellamanifestazione umbra sara' la prima esecuzione assoluta di unanuova composizione di Salvatore Sciarrino, creata sucommissione del Festival. delle Nazioni, in omaggio all'arte diAlberto Burri. Per celebrare l'artista tifernate a cento annidalla sua nascita, Sciarrino presentera' a Città di Castello (1settembre ore 21) un nuovo brano per flauto e quartettod'archi, formazione con la quale il compositore siciliano simisura per la prima volta. Il concerto, che vedra' protagonistiil flautista Matteo Cesari e il Quartetto Prometeo, avra' luogoall'interno degli Ex Essiccatoi del Tabacco, sede di uno deimusei che la citta' ha dedicato a Burri. Il Festival ospitera',inoltre, il concerto di Jörg Demus, leggendario pianistaaustriaco che insieme a Friedrich Gulda e Paul Badura-Skodacostitui' la cosiddetta 'troika viennese'. Se l'ouverture delleNozze di Figaro dara' il via alla 48ma edizione del Festival,sara' invece quella del Don Giovanni a introdurre il concertodi chiusura, sempre nella Chiesa di San Domenico, conl'Orchestra della Toscana (5 settembre ore 21). Perapprofondire da diversi punti di vista la conoscenza dellacultura austriaca e ripercorrere, anche con parole e immagini,le storie legate al primo conflitto mondiale, il cartellonedegli eventi collaterali offrira' un ricco calendario diincontri, dibattiti, presentazioni, mostre, seratefotografiche, installazioni sonore.(AGI) Pg2/Sep