Lavoro: Marini (Umbria), futuro Perugina e' questione nazionale

(AGI) - Perugia, 11 mar. - "Il tema del futuro dellostabilimento Perugina di San Sisto va affrontato non solo alivello territoriale, come con serieta' e impegno si stafacendo in questa occasione, ma deve esser posto con forza nelquadro piu' ampio che riguarda le scelte strategiche, l'exporte la rete commerciale di una azienda multinazionale che operanel settore alimentare su un mercato italiano e globale. Cosi'si potra' dare piu' forza alla battaglia comune di istituzioni,sindacati, lavoratori e lavoratrici". Lo ha detto la presidentedella Regione Umbria, Catiuscia Marini, intervenendoall'incontro pubblico sul futuro dello

(AGI) - Perugia, 11 mar. - "Il tema del futuro dellostabilimento Perugina di San Sisto va affrontato non solo alivello territoriale, come con serieta' e impegno si stafacendo in questa occasione, ma deve esser posto con forza nelquadro piu' ampio che riguarda le scelte strategiche, l'exporte la rete commerciale di una azienda multinazionale che operanel settore alimentare su un mercato italiano e globale. Cosi'si potra' dare piu' forza alla battaglia comune di istituzioni,sindacati, lavoratori e lavoratrici". Lo ha detto la presidentedella Regione Umbria, Catiuscia Marini, intervenendoall'incontro pubblico sul futuro dello stabilimento dellaPerugina promosso dai sindacati confederali, di categoria edalle Rsu aziendali, a cui ha partecipato il responsabile dellevertenze del Mise, Giampiero Castano. (AGI)(AGI) - Perugia, 11 mar. - "E' dunque importante proseguire -ha aggiunto Marini - su un metodo di lavoro e di confrontocondiviso, che porti all'interlocuzione con il Gruppo ed alcoinvolgimento del Governo nazionale proprio per lapeculiarita' di questa vertenza che non e' solo legatasimbolicamente alla citta' di Perugia ma e' parte importantedella realta' occupazionale dell'Umbria". Secondo Mlapresidente dell'Umbria "c'e' la comune consapevolezza dioperare sin da subito per conoscere quali sono le strategieindustriali e produttive che dovrebbero traghettarci fuoridalla crisi e garantire la ripresa dei volumi produttivi e latenuta dei livelli occupazionali. Questioni che - ha aggiuntola presidente - abbiamo come istituzioni umbre posto almanagement aziendale durante l'incontro che si e' recentementetenuto in Regione, relativamente alle politiche industriali,commerciali e degli investimenti che possono garantire ilmantenimento e la valorizzazione dei livelli occupazionali edelle produzioni per lo stabilimento Nestle' di San Sisto. Cio'anche nel quadro di un mercato italiano che e' particolarmenteappetibile. Nei prossimi giorni - ha annunciato Marini -istituzioni umbre e sindacati torneranno a riunirsi per unacomune valutazione degli incontri avuti con la proprieta'".(AGI)Pg1/Sep