Cultura: Bracco, importanti impegni governo per citta' capitale

(AGI) - Perugia, 16 dic. - "Sono particolarmente importanti esignificativi gli impegni che il ministro dei beni e delleattivita' culturali, Dario Franceschini, ha piu' volteribadito, di voler destinare nuove risorse per valorizzare eattivare parte dei progetti delle cinque citta' italianefinaliste che non sono risultate vincitrici del titolo diCapitale europea della cultura per il 2019". Lo ha dettol'assessore alla Cultura della Regione Umbria, Fabrizio Bracco."Per questo - ha aggiunto - come Giunta regionale, vorreiesprimere particolare soddisfazione, dando atto al ministroFranceschini e al Governo di aver tenuto fede cosi' all'impegnoassunto in

(AGI) - Perugia, 16 dic. - "Sono particolarmente importanti esignificativi gli impegni che il ministro dei beni e delleattivita' culturali, Dario Franceschini, ha piu' volteribadito, di voler destinare nuove risorse per valorizzare eattivare parte dei progetti delle cinque citta' italianefinaliste che non sono risultate vincitrici del titolo diCapitale europea della cultura per il 2019". Lo ha dettol'assessore alla Cultura della Regione Umbria, Fabrizio Bracco."Per questo - ha aggiunto - come Giunta regionale, vorreiesprimere particolare soddisfazione, dando atto al ministroFranceschini e al Governo di aver tenuto fede cosi' all'impegnoassunto in favore delle cinque citta' rimaste escluse,investendole del ruolo di capitali italiane della cultura nel2015. Tutto cio' rappresenta un significativo riconoscimento allavoro svolto in queste citta' e, soprattutto, non ne vanificail grande potenziale in termini di progetti che comunquepotranno essere attuati. Inoltre, cio' rappresenta unaopportunita' per rilanciare il ruolo della Fondazione, che hasaputo valorizzare il rapporto tra Perugia, Assisi e il restodell'Umbria nel lavoro di progettazione. In questa prospettiva- ha concluso Bracco - la Regione Umbria conferma il proprioimpegno a sostegno della Fondazione a Perugia 2019, con iluoghi di san Francesco d'Assisi e dell'Umbria'". (AGI)Pg1/Sep