Stragi naziste: parlamentare Budestag in visita a S. Anna Stazzema

(AGI) - Viareggio, 21 feb. - Il sindaco di Stazzema MaurizioVerona ha ricevuto questa mattina il deputato del Bundestagtedesco Matthias Schmidt: i due si erano conosciuti nel mese digennaio a Berlino nel corso di una iniziativa pressol'Universita' Popolare di Charlottenburg sul tema delle straginazifasciste in Italia ed in particolare sulle attivita' delParco Nazionale della pace di Sant'Anna di Stazzema. Adaccogliere Matthias Schmidt anche il Presidente dellaassociazione Martiri di Sant'Anna di Stazzema Enrico Pieri e aSant'Anna alcuni superstiti della strage nazista del 12 agosto1944 nella quale moririno 560 civili italiani. Matthias

(AGI) - Viareggio, 21 feb. - Il sindaco di Stazzema MaurizioVerona ha ricevuto questa mattina il deputato del Bundestagtedesco Matthias Schmidt: i due si erano conosciuti nel mese digennaio a Berlino nel corso di una iniziativa pressol'Universita' Popolare di Charlottenburg sul tema delle straginazifasciste in Italia ed in particolare sulle attivita' delParco Nazionale della pace di Sant'Anna di Stazzema. Adaccogliere Matthias Schmidt anche il Presidente dellaassociazione Martiri di Sant'Anna di Stazzema Enrico Pieri e aSant'Anna alcuni superstiti della strage nazista del 12 agosto1944 nella quale moririno 560 civili italiani. Matthias Schmidtha poi proseguito la sua visita recandosi al Museo Storicodella Resistenza di Sant'Anna di Stazzema. "E' stato unincontro importante", ha commentato il sindaco di Stazzema"perche' stiamo cercando di far conoscere a tutti questa storiaperche' non si ripeta. Oggi Italia e Germania sono impegnateinsieme sul fronte della pace e dell'impegno per il dialogo inuna congiuntura molto difficile della storia in cui si sonoesplosi di nuovo i nazionalismi ed i fondamentalismi". MatthiasSchmidt ha ringraziato per l'accoglienza, commuovendosinell'incontro con i superstiti. "La generazione che e' nataventi anni dopo la guerra", ha detto e scritto sul libro firmedel Museo, "ha il dovere di impegnarsi perche' la memoria nonvada perduta e perche' tramite la conoscenza si prevenganoguerre e nuove come accade invece, anche ai marginidell'Europa". (AGI)Lu2/Sep