Regioni: Rossi, con interventi strutturali Arno in sicurezza

(AGI) - Firenze, 28 feb. - "Per mettere in sicurezza il bacinodell'Arno la Regione sta lavorando a una serie di interventistrutturali, a monte e a valle di Firenze. Accanto a questiinterventi, indispensabili per poter davvero alzare il livellodi sicurezza e ridurre sensibilimente il rischio, abbiamodeciso anche di dotarci di un nuovo sistema per fronteggiarel'emergenza e mettere in sicurezza la citta' di Firenze nelcaso, che speriamo non si verifichi mai, di un alluvione tipoquello avvenuto nel 1966. Stiamo sperimentando questo sistemadi argini mobili, faremo altre prove per poi bandiremo una garaper

(AGI) - Firenze, 28 feb. - "Per mettere in sicurezza il bacinodell'Arno la Regione sta lavorando a una serie di interventistrutturali, a monte e a valle di Firenze. Accanto a questiinterventi, indispensabili per poter davvero alzare il livellodi sicurezza e ridurre sensibilimente il rischio, abbiamodeciso anche di dotarci di un nuovo sistema per fronteggiarel'emergenza e mettere in sicurezza la citta' di Firenze nelcaso, che speriamo non si verifichi mai, di un alluvione tipoquello avvenuto nel 1966. Stiamo sperimentando questo sistemadi argini mobili, faremo altre prove per poi bandiremo una garaper acquisirli stabilmente entro l'autunno". Lo ha detto ilpresidente della Regione Enrico Rossi intervenuto oggi aVarlungo all'esercitazione organizzata da Regione ProtezioneCivile e Comune di Firenze per sperimentare la posa degliargini mobili che , alle 10 di stamani, come previsto dallatabella di marcia scandita dalla Protezione Civile regionale edel Comune di Firenze, i camion hanno cominciato a scaricare ea posare lungo circa cento metri di argine dietro all'Obihall.Il presidente Rossi ha voluto sottolineare le tappe delpercorso intrapreso dalla Regione per la di messa in sicurezzanon solo di Firenze e dell'area metropolitana, ma dell'interobacino dell'Arno. "Lo seguiamo quotidianamente, sappiamo comestanno le cose. Non promettiamo nulla ma le opere sono stateavviate, tutti possono vedere che lo stiamo facendo. Grazieall'ultimo finanziamento, contiamo di arrivare a completarleentro quattro, massimo cinque anni". Le opere fatte o incantiere Rossi le elenca una per una. "La settimana scorsa -ricorda - abbiamo inaugurato a San Miniato il bacino di Roffia,mentre e' in corso l'appalto per lo scolmatore, per altri 15milioni. Ancora a valle di Firenze Rossi ha ricordato gliinterventi a Empoli, le casse di espansione di Fibbiana per cuisi sono da poco aggiudicati i lavori, quelle di Querciola,sull'Ombrone pistoiese e la gara in corso per il bacino deiRenai a lastra a Signa.. Le richieste della Regione Toscana cheandranno nel piano nazionale contro il dissesto 2015-20 sono660 milioni di euro, di cui 141 per l'area metropolitanafiorentina nei quali stanno gli 87 milioni di euro necessariper completare la messa in sicurezza di Arno, Mugnone, Mensolaed Ema". (AGI)Red/Sep