Universita': Polo Tecnologico, balzo nel futuro per Catania (2)

(AGI) - Catania, 18 set. - Questa mattina il taglio del nastro,alla presenza dell'arcivescovo Salvatore Gristina, che habenedetto locali e persone che vi lavoreranno, auspicando"un'Universita' che sia sempre piu' un ambiente sereno dove inostri ragazzi possano crescere e guardare con fiduciaall'avvenire", del prorettore Alessandra Gentile, del direttoregenerale Federico Portoghese, dell'ex rettore Antonino Recca,dell'assessore Orazio Licandro, in rappresentanza del sindaco,e di numerose altre autorita' cittadine, accademiche emilitari. La realizzazione dell'opera e' stata avviata - con laposa della prima pietra nel settembre di due anni fa - dallaprecedente amministrazione universitaria, guidata

(AGI) - Catania, 18 set. - Questa mattina il taglio del nastro,alla presenza dell'arcivescovo Salvatore Gristina, che habenedetto locali e persone che vi lavoreranno, auspicando"un'Universita' che sia sempre piu' un ambiente sereno dove inostri ragazzi possano crescere e guardare con fiduciaall'avvenire", del prorettore Alessandra Gentile, del direttoregenerale Federico Portoghese, dell'ex rettore Antonino Recca,dell'assessore Orazio Licandro, in rappresentanza del sindaco,e di numerose altre autorita' cittadine, accademiche emilitari. La realizzazione dell'opera e' stata avviata - con laposa della prima pietra nel settembre di due anni fa - dallaprecedente amministrazione universitaria, guidata dal prof.Recca, per soddisfare la richiesta di spazi per laboratorifatti dai dipartimenti della ex-facolta' di Ingegneria. Laprogettazione e la direzione dei lavori sono state curate dagliuffici dell'area tecnica, in collaborazione con il dipartimentodi Ingegneria industriale e meccanica, diretto dal prof.Francesco Patania. I lavori, per un importo pari a poco piu' di9 milioni di euro, sono stati realizzati - con risparmio dirisorse e in anticipo sui 700 giorni previsti - dalle impresedell'Ati S.A.C.A.I.M. In tempi brevi, comincera' adesso iltrasferimento delle attrezzature dai dipartimenti e siprocedera' all'acquisto di nuovi arredi e macchinari.Particolare attenzione e' stata posta all'efficientamentoenergetico della struttura, ottenuto sia con il particolareisolamento termico degli edifici, sia con l'autoproduzione dienergia tramite impianti che utilizzano energie rinnovabili eassimiliate, quali i "solari termici", i "solari fotovoltaici"e la "produzione trigenerativa". L'autoproduzione di energiatermica calda e fredda e di energia elettrica permettera' disupplire ad una quota significativa delle richieste energetichedel polo e di ottenerne i conseguenti benefici ambientali.(AGI)Can