Teatro Massimo: 'nessun dorma' a Firenze, trasferta con Domingo

(AGI) - Palermo, 30 giu. - Parte domani sera, con la grande anteprima a piazza S...

(AGI) - Palermo, 30 giu. - Parte domani sera, con la grande anteprima a piazza Santa Croce a Firenze, la stagione estiva del Teatro Massimo di Palermo. Domani alle 21.30 l'orchestra sara' impegnata nel concerto "Una notte magica" diretto da Placido Domingo e Marcello Rota con i tre giovani tenori de Il Volo. Un grande evento con oltre seimila spettatori, che vuole essere una rievocazione del grande concerto che 26 anni fa vide protagonisti Jose' Carreras, Placido Domingo e Luciano Pavarotti al Teatro delle Terme di Caracalla a Roma. Domani sera Domingo eccezionalmente dirigera' l'orchestra su alcuni brani piu' emozionanti della serata, che sara' registrata da Sony Music per un cd e un dvd. Nel programma le melodie di successo del repertorio napoletano, italiano e internazionale si alterneranno con brani tratti da grandi musical e con le piu' celebri arie d'opera. Ecco quindi "Nessun dorma" dalla Turandot di Giacomo Puccini, "Una furtiva lacrima" da L'Elisir d'amore di Donizzetti, "Libiamo ne' lieti calici" da Traviata di Verdi, "E lucean le stelle" da Tosca di Puccini alternarsi a Granada, Cielito lindo, O surdato 'nnammurato, Non ti scordar di me, O sole mio, Torna a Surriento. Un'anteprima "fuori sede" per una stagione estiva - intitolata "Summerwhere" - che e' tutta all'insegna del dinamismo. "Da Segesta a Taormina al Teatro di Verdura di Palermo e all'atrio della Biblioteca comunale cittadina - dice il sovrintendente Francesco Giambrone - quest'estate il Teatro Massimo si muove e porta musica fuori dalle sue mura, in luoghi di grande fascino e con grandi protagonisti come Toquinho, Paolo Fresu, Desiree Rancatore". Dopo l'anteprima a Firenze, appuntamento il 7 luglio con la prima delle quattro serate nell'atrio della Biblioteca comunale di Casa Professa intitolate "Ricordando il futuro" e liberamente ispirate alle Lezioni americane di Italo Calvino, tutte alle 21.30. Un format, gia' sperimentato l'anno scorso, che prevede la breve lectio magistralis di una personalita' della cultura e poi il concerto. E quindi Leggerezza-Mozart, Rapidita'-Rossini, Esattezza-Bach, Visibilita'-Brahms. L'8 e il 9 luglio Soiree rossiniana. (AGI)
.