Scuola: giudice agrigentino condanna Miur, arretrati a precario

(AGI) - Agrigento, 4 dic. - Prime decisioni dei giudicinazionali dopo la sentenza della Corte di giustizia europea inmateria di precariato della scuola. Il giudice del lavoro diSciacca (Agrigento), ha condannato il ministero della PubblicaIstruzione al pagamento in favore di un insegnante precario,assistito dall'avvocato Gaetano Leonardi, degli scatti dianzianita' e degli emolumenti relativi "e tutto cio' in regimedi parita' di trattamento rispetto al personale di ruolo dellascuola, a titolo di risarcimento". Inoltre, il Miur e' statocondannato al pagamento di una somma corrispondente alleretribuzioni di fatto per i periodi non lavorati

(AGI) - Agrigento, 4 dic. - Prime decisioni dei giudicinazionali dopo la sentenza della Corte di giustizia europea inmateria di precariato della scuola. Il giudice del lavoro diSciacca (Agrigento), ha condannato il ministero della PubblicaIstruzione al pagamento in favore di un insegnante precario,assistito dall'avvocato Gaetano Leonardi, degli scatti dianzianita' e degli emolumenti relativi "e tutto cio' in regimedi parita' di trattamento rispetto al personale di ruolo dellascuola, a titolo di risarcimento". Inoltre, il Miur e' statocondannato al pagamento di una somma corrispondente alleretribuzioni di fatto per i periodi non lavorati intercorrentitra i vari contratti allegati in ricorso, a partire dalla messain mora e fino alla data della sentenza. Infine, ancora sulrisarcimento del danno, il Ggudice ritiene che spettano solo aidocenti assunti sui posti vacanti in organico di diritto levoci della tredicesima mensilita', dell'indennita' sostitutivadi ferie e di permessi perche, visto che i contratti durano pertutto l'anno scolastico non c'e' ragione di discriminarlirispetto ai colleghi di ruolo. (AGI).