Migranti: dalla Libia a Trapani, all'hotspot voci dall'orrore

(AGI) - Trapani, 19 mag. - Caos, violenze e minori alla merce' dei trafficanti d...

(AGI) - Trapani, 19 mag. - Caos, violenze e minori alla merce' dei trafficanti di uomini E' quanto emerso dai racconti dei migranti dell'hotspot di Trapani dove ieri si e' recata la Commissione parlamentare d'inchiesta sul sistema di accoglienza, identificazione ed espulsione, che ha peraltro elogiato l'efficienza della struttura. "Ho ascoltato le testimonianze dei migranti sbarcati ieri a Trapani e raccontano che la situazione in Libia e' davvero disastrosa", ha detto il docente universitario Fulvio Vassallo Paleologo, consulente dell'organismo. "Abbiamo assistito alle operazioni di identificazione all'interno dell'hotspot di contrada Milo - continua - e ho ascoltato le loro parole. Parlano di una Libia nel caos piu' totale. Molti di loro avevano subito violenze spropositate, tagli sul viso e abusi sessuali". I racconti sono angoscianti. "C'e' una ragazza, in stato di gravidanza, che ha dichiarato di aver subito degli abusi durante la permanenza nel nord libico ed i tanti minori non accompagnati hanno detto di aver lasciato i genitori in Libia". E sulle attuali manovre migratorie e le annunciate trattative con il governo libico: "Ritengo che gli accordi con il nuovo esecutivo possano complicare ulteriormente i fenomeni migratori per chi scappa da conflitti o persecuzioni. C'e' il forte rischio che si crei un blocco nel Mediterraneo, in grado di rispedire indietro i migranti ritenuti economici attraverso una valutazione approssimativa". (AGI)
.