Mafia, in corteo per Peppino Impastato - VIDEO

A 38 anni dall'omicidio "la lotta non si ferma", in marcia da Casa Aut a Casa della Memoria

Mafia, in corteo per Peppino Impastato - VIDEO
Peppino Impastato (impegno politico) (foto da Casa Memoria) 

Palermo - Ricordato anche in Sicilia Peppino Impastato ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978 e dilaniato da una esplosione sui binari della ferrovia Trapani-Palermo. Oggi marcia in ricordo del militante di sinistra, animatore di una intensa attività culturale e antimafia attraverso i microfoni di Radio Aut e una costante denuncia della cattiva politica e della sua compromissione con il crimine organizzato. Nel giorno del 38esimo anniversario del suo omicidio corteo da Terrasini a Cinisi, da Radio Aut a Casa Memoria. "C'è un movimento di cittadini che combatte la mafia unito da questi forti ideali, che non si ferma - dice il segretario Cgil Palermo Enzo Campo - tutti oggi in marcia per riaffermare i valori di coraggio e libertà, di impegno professionale, etico e politico rappresentati dalla figura di Impastato". Aggiunge Dino Paternostro, responsabile Legalità per la Cgil Palermo: "Insieme a lui ricordiamo quella straordinaria donna che è stata sua madre, Felicia Bartolotta. Con grande coraggio e amore si è battuta per chiedere verità e giustizia per il figlio, accusando in maniera implacabile il boss mafioso Tano Badalamenti. Felicia ci ricorda altre donne coraggio come Francesca Serio, la madre di Salvatore Carnevale, Rosa Mannino, la madre di Placido Rizzotto, Fracesca Cangelosi, la moglie di Calogero Cangelosi".

Impastato e 'Tano Seduto', quei cento passi contro mafiopoli
Cento passi. Si fanno in un attimo, ma possono segnare la differenza. A Cinisi, paesino siciliano schiacciato tra la roccia e il mare, nei pressi dell'aeroporto, dove decollava il traffico di droga, quel breve incedere separa la casa di Peppino Impastato da quella di Tano Badalamenti; una storia da un'altra di diversissimo genere, eppure della stessa Sicilia. Ragazzo intelligente che non accetta il silenzio opposto al suo sforzo di capire, nel 1968 si ribella come tanti giovani al padre. Ma il suo ha precisi legami e parentele. Così, per Peppino la ribellione diventa sfida allo statuto della mafia e ha un prezzo altissimo come sarebbe stato chiaro il 9 maggio di 38 anni fa, quando fu trucidato. Con "Radio Aut" che infrange il tabù dell'omertà e con l'arma del ridicolo che distrugge il clima riverenziale attorno alla mafia, Tano Badalamenti diventa "Tano Seduto" e Cinisi è "Mafiopoli", emblema di una criminalità organizzata sempre più 'sistemà, con la sua fitta rete di alleanze a vari livelli e interessi. Impastato si presenta alle elezioni comunali, ma due giorni prima del voto, nella primavera del 1978, lo fanno saltare in aria sui binari della ferrovia con sei chili di tritolo. La morte coincide con il ritrovamento a Roma del corpo di Aldo Moro e viene rubricata come suicidio o atto terroristico. Solo venti anni dopo la Procura di Palermo rinvierà a giudizio Tano Badalamenti come mandante dell'assassinio. 

Il regista Marco Tullio Giordana nel 2000 raccontò tutto questo con il film "I cento passi", che ha ridestato nel Paese la passione e l'indignazione per questa storia, facendo conoscere anche la figura eccezionale della madre di Peppino, Felicia, che ha tenuto alto come un vessillo la memoria del figlio e a cui la Rai ultimamente ha dedicato un tv movie. Un film, quello su Peppino, che precede la svolta sul fronte giudiziario. L'11 aprile del 2002 dopo 24 anni è arrivata la condanna all'ergastolo che ha spazzato via i tentativi di depistaggio cominciati già la mattina del 9 maggio 1978, data del delitto. I giudici della terza sezione della Corte d'assise, presieduta da Claudio Dall'Acqua, giudice a latere Roberto Binenti, spiegano nelle motivazioni della sentenza che "il pericolo costituito da tanta irriverente ed irritante rottura del muro dell'omertà era vieppiù palpabile da far ritenere che la soluzione del problema fosse necessaria ed anche impellente, stante peraltro che il giovane di lì a poco, secondo attendibili previsioni, sarebbe stato eletto consigliere comunale". Al giudice americano Pierre Leval che a 'Tano sedutò, arrestato a Madrid l'8 aprile del 1984, chiedeva se fosse un componente di Cosa nostra, egli spavaldo rispodeva: "Se lo fossi non ve lo direi, per rispettare il giuramento fatto". Questo feroce mafioso vecchio stampo veniva raccontato e sbeffeggiato da Impastato attraverso le frequenze della sua radio: "Ci sarà anche un porticciolo bellissimo ... già in costruzione ... e potremo sistemare le nostre veloci canoe che porteranno al di là del mare la sabbia bianca... tabacco... bianco come la neve". La connessione tra il suo assassinio e il boss viene per la prima volta rilanciata con forza nel maggio del 1984, quando l'Ufficio istruzione del Tribunale di Palermo, sulla base delle indicazioni del Consigliere Istruttore Rocco Chinnici, che aveva avviato il lavoro del primo pool antimafia ed era stato assassinato nel luglio del 1983, emette una sentenza, firmata dal consigliere istruttore Antonino Caponnetto, in cui si riconosce la matrice mafiosa del delitto, attribuito però ad ignoti. Il Centro Impastato pubblica nel 1986 la storia di vita della madre di Giuseppe Impastato, nel volume "La mafia in casa mia", e il dossier "Notissimi ignoti", indicando come mandante del delitto il boss Gaetano Badalamenti, nel frattempo condannato a 45 anni di reclusione per traffico di droga dalla Corte di New York, nel processo alla "Pizza Connection". Nel gennaio 1988 il Tribunale di Palermo invia una comunicazione giudiziaria a Badalamenti. Nel maggio del 1992 decide l'archiviazione del "caso Impastato", ribadendo la matrice mafiosa del delitto, ma escludendo la possibilità di individuare i colpevoli e ipotizzando la possibile responsabilità dei mafiosi di Cinisi alleati dei "corleonesi". Nel giugno del 1996, in seguito alle dichiarazioni di Salvatore Palazzolo, che indica in Badalamenti il mandante dell'omicidio assieme al suo vice Vito Palazzolo, l'inchiesta viene formalmente riaperta. Nel novembre del 1997 viene emesso un ordine di cattura per Badalamenti, incriminato come mandante del delitto. Il 10 marzo 1999 si svolge l'udienza preliminare del processo contro Vito Palazzolo, mentre la posizione di Badalamenti viene stralciata. Nel 1998 presso la Commissione parlamentare antimafia si costituisce un comitato sul caso Impastato e il 6 dicembre 2000 è approvata una relazione sulle responsabilità di rappresentanti delle istituzioni nel depistaggio delle indagini. Il 5 marzo 2001 la Corte d'assise riconosce Vito Palazzolo colpevole e lo condanna a 30 anni di reclusione. L'anno dopo arriva la condanna all'ergastolo per Badalamenti. E nel 2010 le chiavi della sua casa sono consegnate all'Associazione culturale Impastato. (AGI) 
.